Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

978 prigionieri sono morti in vent’anni di governo dell’AKP

Quasi 1.000 prigionieri sono morti in vent’anni di governo dell’AKP in Turchia. Fatin Kanat dell’Associazione per i diritti umani (IHD) di Ankara parla di “bilancio della vergogna”.

Ci sono 314.502 detenuti in custodia cautelare e condannati in Turchia. Secondo l’Associazione per i diritti umani (IHD), almeno 1.605 di loro non possono rimanere in carcere a causa del loro stato di salute e 604 sono così gravemente ammalati da non poter badare a sè da soli. Molti dei prigionieri malati muoiono a causa della scarsa igiene, dell’alimentazione inadeguata o della mancanza di cure mediche. Vengono costantemente segnalate nuove morti sospette nelle carceri.

La causa della morte è indicata come suicidio o malattia. Nonostante le richieste di varie organizzazioni, parenti e avvocati, le morti sospette non vengono indagate ma, al contrario, vengono insabbiate.

978 morti in 20 anni di governo dell’AKP

Da quando l’AKP è salito al potere nel 2002, un totale di 978 persone sono morte nelle carceri turche a causa di torture, suicidi, scioperi della fame contro le condizioni carcerarie o perché non avevano accesso all’assistenza sanitaria.

Fatin Kanat, co-presidente della sezione di IHD di Ankara, ha dichiarato ad ANF: “978 persone sono un numero molto alto. Certo, ci sono persone che sono morte per malattie, ma c’è anche un discreto numero di prigionieri che sono morti a causa di maltrattamenti e torture, in particolare dagli anni 2010, ma queste morti sono elencate come sospette.

È un bilancio terribile e non sappiamo dove metterlo in termini di diritti umani. Un record da vergogna”.

Le prigioni come microcosmo della Turchia

L’ufficio IHD di Ankara pubblica ogni sabato un rapporto sulle condizioni dei detenuti malati assistiti dall’associazione. Kanat ha detto: “A volte i prigionieri malati vengono lasciati sull’orlo della morte, a volte muoiono in una stanza d’ospedale o nell’infermeria della prigione. Ciò che sta accadendo nelle carceri riflette il modo in cui è governato questo Paese: torture, morti a causa di maltrattamenti subiti, perquisizioni degradanti, aggressioni sessuali, sanzioni disciplinari arbitrarie, negazione dell’accesso a un avvocato e a i parenti, misure di isolamento”.

In pochissimi casi otteniamo qualcosa

Le richieste di IHD per un’indagine sulle morti non hanno avuto successo, ha spiegato Kanar, aggiungendo: “Cerchiamo costantemente di mettere all’ordine del giorno queste morti e la situazione dei prigionieri malati e di documentarle.

Scriviamo alle istituzioni responsabili e siamo anche in contatto con istituzioni e organizzazioni internazionali. Negli ultimi tre mesi abbiamo ricevuto 90 richieste di sostegno da parte di detenuti.

Chiediamo i loro diritti, trattiamo con l’Istituto di medicina legale (ATK) e altre istituzioni e ci sforziamo per un’azione supplementare. Ma sfortunatamente in pochissimi casi riusciamo a ottenere qualcosa. In particolare, non stiamo facendo alcun progresso con le morti sospette”.

Conserviamo il registro delle violazioni

Il presidente dell’IHD Kanat ha affermato che il lavoro di documentazione svolto dall’associazione è sia per la storia che per il futuro. “Conserviamo registrazioni di ciò che accade nelle carceri e di come viene violato il diritto alla vita. Vorrei che potessimo fare di più. Ma sono i burocrati dei dipartimenti di giustizia e affari interni e le pratiche dell’attuale governo che causano una situazione di stallo”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...