Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Turchia: ville di lusso da costruire in cima a fosse comuni di curdi e armeni

Centinaia di curdi e armeni vittime di massacri sono sepolte in fosse comuni nella regione di Newala Qesaba a Siirt (Sêrt), dove sono attualmente in costruzione ville di lusso.  Secondo quanto riferito dall’agenzia stampa Mesopotamia, una società di costruzioni ha aperto la strada per la realizzazione di ville di lusso e condomini a molti piani nella regione di Newala Qesaba di Siirt (Sêrt).

Centinaia di corpi sono stati sepolti nell’area nel corso dei decenni, comprese le vittime di esecuzioni extragiudiziali. Cifre e stime non ufficiali collocano nella fossa comune almeno 300 corpi, inclusi civili e sospetti membri del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) uccisi negli anni ’80. Si dice che Mahsum Korkmaz (Egît), uno dei pionieri del PKK, sia tra i 300.

Newala Qesaba è vicino al centro città e copre circa 405 acri. Il sito è noto alla gente del posto come il luogo in cui molte vittime del genocidio armeno del 1915 furono sepolte in una fossa comune separata.

Il primo scavo del sito è iniziato il 22 aprile 1989. I lavoratori scoprirono i resti di otto persone in poche ore e gli sforzi furono interrotti lo stesso giorno su ordine dell’ufficio del governatore. Da allora non sono stati rilasciati permessi per ulteriori scavi.

Mancanza di rispetto alla memoria

Tuttavia la municipalità locale ha rilasciato negli anni successivi i permessi di costruzione per il sito. Il sito è stato prima trasformato in una discarica, poi sostituita da una sala per matrimoni. Nel 2013 durante una campagna dal basso per erigere un monumento per le vittime, è stata eretta una stazione di polizia in cima alle tombe. Decine di ville di lusso con piscine e grattacieli sono attualmente in costruzione dalla società di costruzioni War Yapı.

La storia del torrente

L’Associazione per i diritti umani (İHD) ha sporto denuncia contro il progetto di costruzione, ha affermato ai giornalisti l’ex presidente della sezione di İHD di Siirt e giornalista Zana Aksu. Aksu, che da anni copre il destino di Newala Qesaba, ha affermato che le otto persone le cui ossa sono state portate alla luce non sono state identificate. “Nessuna indagine è stata condotta su alcun sospetto, e nemmeno all’area è stato concesso lo status di protezione”, ha affermato.

Vergognoso

I progetti di costruzione che sono stati eseguiti in cima alle fosse comuni “aggiungono vergogna alla già vergognosa situazione”, ha detto Aksu. “Centinaia di ossa sono sepolte qui. È crudele costruire edifici qui mentre le persone cercano ancora i loro cari che sono scomparsi. Questa decisione deve essere revocata immediatamente”.

Durante l’apice del conflitto tra le forze armate turche e il PKK, si stima che circa 17.000 civili siano stati scomparsi con la forza o vittime di esecuzioni extragiudiziali irrisolte. Le Madri del Sabato un gruppo fondato da difensori dei diritti umani e madri i cui figli sono scomparsi durante la detenzione, effettuano veglie dal 1996, chiedendo informazioni sul destino dei loro cari.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....