Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Seconda morte in circostanze sospette in un mese nelle carceri turche

Due prigionieri entrambi sottoposti a tortura psicologica e all’isolamento sono morti nella prigione di tipo S di Iğdır, portando alle richieste di indagini da parte di famiglie e gruppi per i diritti umani in Turchia.

Domenica è stato riferito che Sinan Kaya, un prigioniero politico di 28 anni che stava scontando la pena per “propaganda per un’organizzazione terroristica” è stato trovato morto nella sua cella in prigione nella provincia orientale di Iğdır, in Turchia. È stato affermato dall’amministrazione carceraria che si è suicidato.

Questa è la seconda morte in un mese nella prigione di tipo S di Iğdır che l’amministrazione carceraria ha affermato che si fosse trattato di un suicidio. Il 20 febbraio è stato annunciato che anche Sezer Alan, sempre un giovane, prigioniero apolitico, si è suicidato ed è morto nella stessa prigione.

La sua famiglia ha successivamente rilasciato una dichiarazione alla stampa nella sede di Smirne dell’Associazione per i diritti umani (İHD) in cui dichiarava che Alan era stato mandato in cinque diverse prigioni e nella prigione di tipo S di Iğdır nell’agosto 2021, e che aveva subito pressioni psicologiche ed era stato sottoposto a violenza fisica in tutte e sei le carceri.

Alan aveva parlato per l’ultima volta con la sua famiglia il 19 febbraio, un giorno prima della sua morte, cosa che la sua famiglia ha registrato e reso pubblica con la loro dichiarazione. In questa registrazione Alan afferma di non essere in grado di esercitare i suoi diritti legali e che commetterà suicidio.

Ha affermato:

“Il direttore del carcere, l’amministrazione del carcere ed il tutore carcerario si assumeranno la responsabilità della mia morte. Mi hanno spinto a suicidarmi (…) Mi ucciderò oggi. La responsabilità della mia morte ricadrà su queste persone”.

Ora solo un mese dopo quella morte, è morto anche Sinan Kaya, un prigioniero politico di 28 anni incarcerato nella prigione di tipo S di Iğdır 8 mesi fa, ancora una volta presumibilmente per suicidio, afferma l’amministrazione della prigione. Kaya era in isolamento. L’amministrazione della prigione ha chiamato la sua famiglia di notte e ha detto loro che il figlio si era suicidato. È stato annunciato che Kaya ha subito una trasfusione polmonare prima di essere mandato in prigione.

La famiglia di Kaya, accettando le condoglianze, ha espresso di non credere che il figlio si fosse suicidato e ha chiesto che si svolgesse un’indagine. L’Associazione degli avvocati per la libertà (ÖHD) ha twittato dicendo: “Anche se abbiamo chiesto molte volte “cosa sta succedendo nella prigione di tipo F di Iğdır?” le violazioni dei diritti non si sono fermate e sono iniziati i decessi. Il detenuto malato di 28 anni Sinan Kaya ha perso la vita in circostanze discutibili.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Rassegna Stampa

Majidi, reporter e sceneggiatrice, subirà il processo immediato. In carcere dallo sbarco, fa lo sciopero della fame. Ieri ha scritto a Mattarella «Il mio...