Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Lo stato turco ha ucciso almeno 228 bambini in 10 anni

La sezione dell’Associazione dei diritti umani di Amed (Diyarbakir) ha rilasciato una dichiarazione in occasione della Giornata mondiale dell’infanzia del 20 novembre, da quando è stata adottata la Convenzione delle Nazioni Unite (ONU) sui diritti dell’infanzia.

L’Associazione per i diritti umani (İHD) di Amed ha rilasciato il “Rapporto sulle violazioni del diritto alla vita dei bambini durante i conflitti armati tra il 2011 e il 2021” in una conferenza stampa presso la propria sede. Sılademir, vice presidente di IHD a Diyarbakir, ha letto il rapporto.

Ezgi Sılademir ha affermato che 196 paesi hanno firmato la Convenzione sui diritti dell’infanzia, che è stata accettata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per la protezione dei bambini, e ha aggiunto che la Turchia ha riconosciuto la convenzione nel 1990 e l’ha resa operativa nel 1995. Tuttavia ha rivelato che la Turchia non ha approvato gli articoli 17, 29 e 30 che riguardano il diritto dei bambini all’istruzione, alla libertà di espressione e alla promozione libera della propria cultura e lingua.Ha affermato: “Non c’è dubbio che queste riserve della Turchia sono contrarie allo spirito della Convenzione e costituiscono un ostacolo all’ottenimento del beneficio atteso da essa.In effetti nel 2012 il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia ha raccomandato alla Turchia di rimuovere queste riserve. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, frutto di molti anni di lavoro, non basta a proteggere i bambini dalla violenza perché gli Stati firmatari non mostrano sufficiente attenzione per attuarla. Il diritto alla vita dei bambini che non sono parte in alcun conflitto è stato violato durante i conflitti armati che vanno avanti da decenni in Turchia”.

Massacro di bambini

Ezgi Sılademir ha fornito dati sui bambini il cui diritto alla vita è stato violato tra il 2011 e il 2021: “Un totale di 228 bambini hanno perso la vita in questo periodo di 10 anni, il 78% dei quali erano maschi e il 22% femmine. 30 dei bambini che hanno perso la vita avevano un’età compresa tra 0 e 5 anni. Allo stesso modo, il numero di bambini di età compresa tra 6 e 15 anni che hanno perso la vita è elevato. Gli spazi di vita dei bambini che hanno socializzato per strada sono diventati luoghi in cui hanno perso la vita. Si è visto che l’interesse superiore del bambino e il diritto a vivere in un ambiente sano sono completamente ignorati e violati.Ha sottolineato che le province con il maggior numero di morti sono Şırnak, Amed, Hakkari, Mardin e Antep; “Quando esaminiamo le cause della morte di 228 bambini, 64 bambini sono stati uccisi a seguito di spari da parte delle forze dell’ordine e 62 bambini sono stati uccisi dalle bombe. L’uso di armi da parte delle forze dell’ordine al di fuori della loro autorità viola il diritto dei bambini alla vita poiché sono tenuti a utilizzare le armi in modo graduale ed entro i limiti definiti dalla legge”.

Periodo degli attacchi genocidi

Ezgi Sılademir ha sottolineato che c’è stato un grave aumento delle violazioni del diritto alla vita dei bambini dall’agosto 2015, quando è iniziato il coprifuoco. “L’incapacità di condurre un’indagine efficace ed equa da parte delle autorità amministrative e giudiziarie sulle violazioni del diritto dei bambini alla vita e di catturare i colpevoli e portarli in tribunale incoraggia le forze dell’ordine a continuare le loro violazioni. Helin, che è stata uccisa all’età di 12 anni, ha aspettato per ore in mezzo a una strada con gravi ferite e ha perso la vita perché un’ambulanza non era autorizzata a entrare in strada. I resti di Cemile, morta all’età di 13 anni, sono stati conservati per giorni in un congelatore, e il cadavere del quindicenne Bünyamin è stato tenuto per giorni nel cortile di una moschea. Condizioni straordinarie, compresi i conflitti armati, non possono essere addotte come pretesto per violare il diritto alla vita dei bambini.

Mine e veicoli blindati

Sılademir ha sottolineato che molti bambini hanno perso la vita a causa dei residui di munizioni poiché le zone militari sono vicine alle residenze civili.“I bambini hanno perso la vita a causa dell’esplosione di munizioni e materiali militari lasciati nelle aree residenziali. Sebbene la Turchia abbia promesso di bonificare le mine antiuomo all’interno del suo territorio entro il 2014 ai sensi della Convenzione di OTTAWA di cui è firmataria dal 2004, non è stato effettuato alcun lavoro concreto per rimuoverle.

Decine di bambini hanno perso la vita, in particolare nelle città di confine, dal momento che le mine antiuomo non sono state rimosse”.Sılademir ha sottolineato che una delle situazioni più minacciose per il diritto alla vita dei bambini è la presenza di veicoli blindati nelle aree residenziali civili.“Ci sono molte violazioni relative ai veicoli blindati investito e schiacciato i bambini nelle loro principali aree di vita, nei quartieri e nelle case. “Molti bambini hanno perso la vita a causa dei veicoli blindati nelle città della regione dove le precauzioni di sicurezza e le pratiche dello stato di emergenza hanno causato gravi violazioni. I veicoli blindati sono stati utilizzati in violazione del codice della strada, gli agenti non hanno conoscenze tecniche sufficienti per guidarli e c’è stata una mancanza di dovuta diligenza durante l’utilizzo di questi veicoli”. Sılademir ha affermato che i bambini sono stati gravemente colpiti da uccisioni a causa degli attentati dinamitardi: “La ragione di questo fatto è che la maggior parte degli attentati dinamitardi ha avuto luogo in aree pubbliche dove i bambini trascorrono del tempo. La maggior parte di coloro che hanno perso la vita durante gli incidenti noti come l’attacco al matrimonio di Antep e il massacro di Roboski erano bambini. È noto all’opinione pubblica che le persone che detenevano cariche pubbliche hanno avuto negligenza molto grave in entrambi gli episodi. In conformità con le convenzioni internazionali e la legge sulla protezione dell’infanzia, è obbligo dello Stato adottare tutti i tipi di provvedimenti poiché ha la responsabilità di primo grado.Porre fine alle violazioni emerse a seguito del conflitto armato relativo alla questione curda sarà possibile solo attraverso politiche pacifiche. Nuove politiche che promuovono il linguaggio della pace consentiranno ai bambini di continuare la loro vita in un ambiente sicuro come tutti gli altri che vivono nella regione.Tuttavia, i funzionari pubblici responsabili di violazioni del diritto alla vita dei bambini dovrebbero essere soggetti a un’efficace indagine penale e disciplinare attraverso un meccanismo di giustizia riparativa. Se le autorità abbandonano la protezione dei funzionari pubblici autori di indagini penali in una politica di impunità e intraprendono tutte le azioni necessarie per garantire la giustizia nel vero senso della parola, il trauma causato dalle violazioni sarà in qualche modo ridotto e sarà stabilita la giustizia”.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...