Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Chiediamo indagini internazionali nelle aree di guerriglia del Kurdistan meridionale

Un genocidio è stato commesso contro il popolo curdo davanti agli occhi dell’opinione pubblica mondiale. Eppure il mondo intero sta semplicemente guardando in silenzio.L’uso di una varietà di armi vietate è solo un esempio dei numerosi crimini di genocidio che vengono commessi. Già in passato le armi chimiche sono state usate ripetutamente contro i curdi. Le conseguenze di questi attacchi nella regione curda meridionale di Helebce (Halabja) continuano ancora oggi. L’uso di armi chimiche da parte dello Stato turco negli ultimi anni non solo viene ignorato, ma si cerca persino di giustificarlo.

Lo stato turco genocida utilizza da molti anni armi chimiche contro il popolo curdo e i suoi guerriglieri per la libertà. Finora questo è sempre stato fatto in segreto e deliberatamente nascosto. Da sei mesi sulle montagne del Kurdistan meridionale è in corso una guerra pesante, nel corso della quale le forze di occupazione turche hanno subito pesanti colpi per mano dei guerriglieri. Nonostante le loro enormi risorse tecniche, le forze di occupazione turche non possono competere con le nostre forze di guerriglia. Stanno quindi facendo affidamento intensamente sull’uso di armi chimiche. È stato ampiamente documentato che lo stato turco in passato ha utilizzato armi chimiche in Rojava. L’uso di queste armi vietate è stato documentato decine di volte anche nelle regioni del Kurdistan meridionale di Heftanîn, Metîna, Zap e Avaşîn. Oggi lo Stato turco non riesce più a mantenere segreto l’uso delle armi chimiche. Anche i suoi più grandi sostenitori, la NATO e il KDP, non possono più nasconderlo. Pertanto non ritiene più necessario nascondere l’uso delle armi chimiche e le utilizza apertamente.

La produzione, l’occultamento, il trasporto e l’uso di armi chimiche possono essere facili. Ma è estremamente difficile documentare il loro uso e determinare chiaramente l’entità degli effetti e delle conseguenze di queste armi. Ciò richiede mezzi tecnici ed esperti adeguati. Allo stesso tempo è chiaro quali gravi danni comporti l’uso di armi chimiche. Oggi sono disponibili prove sufficienti per consentire a tutte le parti interessate di svolgere le indagini necessarie.Le armi chimiche utilizzate dallo Stato turco sono armi letali che provocano soffocamento, ustioni, compromissione del sistema nervoso, cauterizzazione e distruzione dei tessuti. Nelle aree in cui vengono utilizzate queste armi, tutti gli esseri viventi e la natura vengono completamente distrutti. Inoltre i resti di queste armi si depositano nel suolo, nell’acqua e nelle piante, mettendo in grave pericolo la salute e la sopravvivenza della popolazione locale negli anni a venire.

È noto che le armi chimiche vengono utilizzate non solo contro i guerriglieri, ma anche contro la popolazione civile locale. A causa dell’uso di queste armi, la popolazione civile soffre già di gravi problemi di salute che hanno ormai raggiunto livelli estremamente preoccupanti. Molte persone nella regione sono state direttamente colpite dall’uso di armi chimiche e hanno quindi cercato di visitare gli ospedali civili della regione. Tuttavia, il KDP e lo Stato turco gli impediscono di farlo e vengono invece curati in ospedali militari istituiti segretamente.

Sebbene tutti questi fatti siano noti, i crimini contro l’umanità commessi dalle forze di occupazione turche attraverso l’uso di armi chimiche non sono ancora riconosciuti. Questa negazione e il silenzio che l’accompagna o il sostegno aperto danno legittimità a questi crimini. Le armi chimiche usate dalle forze di occupazione turche danneggiano non solo i guerriglieri ma il mondo intero. Attualmente, numerosi stati e organizzazioni si sono riuniti per la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow, dove avvertono di un “allerta rossa e l’ultima possibilità per l’umanità”.

Il loro obiettivo è salvare l’umanità da questi pericoli. Ma devono essere consapevoli di quanto segue: se non sono preparati a riconoscere l’enorme danno all’umanità e alla natura che lo Stato turco sta causando oggi attraverso l’uso di armi chimiche, i loro sforzi estremamente importanti purtroppo non avranno alcun beneficio per l’umanità. In qualità di Comitato per la salute della KCK, ci rivolgiamo direttamente a tutte le istituzioni, organizzazioni, difensori dei diritti umani e attivisti per i diritti degli animali e dell’ambiente che si impegnano a garantire il futuro dell’umanità: perché tacete?

Vorremmo cogliere l’occasione per rivolgerci direttamente all’OPCW, all’ONU, al CPT e in particolare a Medici senza frontiere: perché tacete sui crimini di genocidio dello stato turco in Kurdistan e in Medio Oriente? Rimanere in silenzio sull’uso delle armi chimiche significa diventare complici e sostenitori di questo crimine. In particolare, vorremmo rivolgere il seguente appello all’OPCW e a Medici Senza Frontiere: Vi invitiamo a essere all’altezza dei vostri compiti, a indagare sull’uso di armi chimiche da parte delle forze di occupazione turche nelle aree di guerriglia del Kurdistan meridionale il prima possibile e senza ulteriore tempo prezioso e a fermare così questo crimine. Vorremmo sottolineare qui che siamo pronti a fornire tutto il supporto e l’assistenza necessari per questi sforzi.

Comitato Sanitario della KCK

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Mentre i pogrom contro i rifugiati siriani in Turchia e l’esibizione di saluti fascisti del lupo da parte del giocatore della nazionale turca Demiral...

Comunicati

Il popolo curdo ha combattuto la battaglia più nobile della storia contro i terroristi dell’Isis. Oggi, indipendentemente da dove si trovi, il nostro popolo...

Comunicati

L’esercito turco ha avviato una nuova operazione militare nella regione del Kurdistan iracheno (Kurdistan meridionale), che segnala nuovi attacchi e tentativi di invasione. L’aumento...

Comunicati

Era il 26 dicembre 1997 quando una nave immensa, chiamata Ararat, arrivò silenziosa sulla costa di un paesino calabrese, Badolato. La nave era carica...