Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iraq

Otto morti nel bombardamento turco dell’ospedale di Shengal

Il bombardamento dell’ospedale di Shengal ha ucciso quattro combattenti delle YBŞ e quattro membri dello staff. L’Assemblea autonoma di Shengal ritiene che l’attacco sia stato condotto con l’approvazione internazionale e regionale.

L’attacco aereo di ieri su un ospedale di Shengal ha ucciso otto persone e ne ha ferite altre quattro. Lo ha annunciato l’Assemblea autonoma democratica di Shengal (ku. Meclîsa Xweseriya Demokratîk a Shengalê, MXDS) in una dichiarazione pubblicata oggi, che include quanto segue:

“Come yazidi, siamo in lutto da settimane perché le potenze mondiali e i nemici dello yazidismo hanno fatto di agosto un mese di massacri. All’inizio del mese abbiamo commemorato i martiri del genocidio del 2014, e il 14 e 15 agosto e il 14 e 15 agosto abbiamo commemorato le vittime dei massacri di Til-Izêr, Sîba, Şêx Xidir, Girzerik e Kocho. Il 15 agosto è anche l’anniversario della morte di Mam Zekî. Lo abbiamo ricordato con profondo rispetto per il suo impegno a Êzîdxan (terra yazida).

Tuttavia i nemici dello yazidismo sono insaziabili e continuano con i loro massacri. Il 16 agosto, nel vecchio mercato di Shengal ha avuto luogo un vile attacco al comandante Seid Hesen, un valido difensore di Shengal, e al combattente YBŞ Îsa Xwedêda.

Questo attacco mette alla prova macchinazioni e trappole sinistre. Come è noto, il nostro amico Seid Hesen è stato uno dei nostri comandanti e allo stesso tempo ha svolto un lavoro molto prezioso a livello politico e diplomatico per una soluzione alla questione di Shengal.

Ha incontrato più volte delegazioni del governo iracheno e ha lavorato per l’autonomia di Shengal. Il 16 agosto si stava preparando a incontrare il primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhimi a nome dell’amministrazione autonoma di Shengal. Proprio in quel momento è stato attaccato ed è caduto.

Questo attacco ha avuto luogo di fronte ad al-Kadhimi. Il primo ministro iracheno era a Shengal, ma né lui stesso né il governo iracheno hanno commentato l’attentato. Invece di rispondere agli attacchi dell’occupazione turca, al-Kadhimi ha dichiarato davanti alle fosse comuni a Kocho che voleva migliorare le relazioni con la Turchia. Allo stesso tempo, ha messo all’ordine del giorno l’accordo del 9 ottobre 2020 e ha affermato che dovrebbe essere attuato. Questo è il discorso che al-Kadhimi ha presentato dopo l’attacco.

Mentre era ancora in corso il lutto per Seid Hesen e Îsa Xwedêda, lo stato turco ha attaccato martedì l’ospedale di Sikêniyê. Vorremmo qui affermare che gli attacchi degli ultimi due giorni sono un nuovo anello della catena del genocidio a Shengal. Questi non sono attacchi quotidiani. Sappiamo esattamente a cosa mirano i nemici dello yazidismo e quale messaggio dovrebbero inviare. L’attentato all’ospedale passerà alla storia come un crimine contro l’umanità. Secondo il diritto internazionale gli attacchi agli ospedali sono crimini che testimoniano l’irragionevolezza e la mancanza di etica.

Come hanno informato anche le YBŞ, l’ospedale serviva contemporaneamente le popolazioni yazidi e arabe. Qui sono stati curate madri, bambini, giovani uomini e donne di Shengal. È stato bombardato non una ma quattro volte.

Le persone della zona circostante hanno rischiato la morte per recuperare i caduti e i feriti dalle macerie. L’obiettivo dell’attacco erano i malati, i medici, il personale infermieristico e i combattenti delle YBŞ, responsabili della sicurezza dell’ospedale. Tutto questo è un nuovo attacco genocida contro gli yazidi. La base di ciò è l’accordo del 9 ottobre 2020 concluso tra Iraq, KDP e lo stato turco. La nostra gente ha definito questo accordo fin dall’inizio una una intesa del genocidio e con veemente opposizione lo ha dichiarato invalido.

L’Assemblea autonoma di Shengal ha sottolineato che nell’anniversario del genocidio del 3 agosto 2014, il presidente del KDP Masoud Barzani ha dichiarato che la situazione a Shengal deve cambiare.

“Lo stesso giorno, i leader statunitensi in Iraq, l’ambasciata turca a Baghdad, la missione delle Nazioni Unite e il primo ministro iracheno al-Kadhimi hanno messo all’ordine del giorno l’accordo del 9 ottobre. Con questo vorremmo dire quanto segue: giusto, l’aggressore è lo stato turco che mira all’occupazione e al genocidio. Tuttavia, sappiamo che questo attacco è stato effettuato con l’approvazione internazionale e regionale”.

L’Assemblea ha dichiarato che l’attuazione dell’accordo del 9 ottobre non sarebbe consentita ad alcun prezzo: “Questa è la nostra ultima parola. Finché il governo iracheno tace sugli attacchi turchi, ne è coinvolto.Dalla firma dell’accordo, lo stato turco ha compiuto attacchi ogni volta che funzionari del governo iracheno hanno visitato Shengal. Finora né il parlamento né i partiti politici né i credenti hanno commentato i recenti attentati. Questo crea l’immagine che sono coinvolti”.

Interrogando la missione delle Nazioni Unite in Iraq, l’Assemblea autonoma di Shengal ha affermato: “Un massacro sta avvenendo sotto i vostri occhi. Secondo le vostre convenzioni, è un crimine contro l’umanità. Continuate a fare dichiarazioni su Shengal, quindi perché tacete su queste attacco?”

Il comunicato prosegue: “Shengal non si arrenderà ma resisterà e si libererà. Ci sono state vittime e feriti in questi barbari attacchi. Da ieri stiamo lavorando per chiarire l’identità dei morti e dei feriti. A causa dei bombardamenti, questo ha impiegato molto tempo. Ci sono otto morti e quattro feriti nell’attentato all’ospedale di Sikêniyê. Quattro dei martiri sono combattenti delle YBŞ che hanno ricevuto cure mediche. Altri tre appartengono al personale sanitario. Il nostro amico caduto Muhlise Sidar è di Şirnak ed è venuto a Shengal quando c’è stato un appello alla mobilitazione nell’anniversario del genocidio del 2014 per guarire la ferite degli yazidi.

Da allora, ha fornito servizi sanitari. I feriti sono Hesen, Evdi, Semir e Macid del personale sanitario”.

Secondo la dichiarazione, i martiri sono i combattenti YBŞ Hemîd Sadun (Qîran Sîba) e Xidir Şeref (Pîr Xidir), i combattenti arabi YBŞ Rami al-Salim (Ronî) e Meytem Khıdır Khalaf (Shered Zemar), e Elî Reşo Xidir, Sedo Resho, Hecî Xidir e Muhlise Sîdar del personale ospedaliero.

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Sottolineando che almeno 30 donne sono state uccise nella regione federata del Kurdistan in 6 mesi, l’esponente del RJAK Ronak Majid ha affermato: “Le...

Iraq

ll dottor Kamuran Berwarî ha affermato che la Turchia sta prendendo di mira l’invasione con attacchi nella regione federata del Kurdistan e ha affermato:...

Comunicati

L’esercito turco ha avviato una nuova operazione militare nella regione del Kurdistan iracheno (Kurdistan meridionale), che segnala nuovi attacchi e tentativi di invasione. L’aumento...

Iraq

“Se la Turchia raggiungesse il suo obiettivo in questa operazione militare, una parte essenziale del territorio del Kurdistan sarebbe nelle mani delle forze armate...