Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Opinioni e analisi

Chi governerà il capitalismo turco e come?

Mentre la coalizione di classe che ha formato il regime di Erdoğan si sta ora disintegrando portando a risultati significativi; nelle parole dell’eminente economista Korkut Boratav, il governo sta cercando di inasprire e vincere la battaglia in ritardo su chi governerà il capitalismo turco. D’altra parte cresce l’importanza di ogni piccola resistenza, di ogni sfida ai lavoratori e ai giovani.

I messaggi inviati attraverso gli interventi di Tuncay Özilhan e Simone Kaslowski all’assemblea generale della prestigiosa associazione imprenditoriale turca TÜSİAD – due settimane fa – hanno presentato al governo critiche economico-politiche.

Özilhan e Kaslowski sono i massimi rappresentanti e portavoce della borghesia della capitale di Istanbul, che è la capitale turca più sviluppata e meglio integrata con i mercati globali.

Non hanno fatto alcun tentativo per nascondere il loro messaggio; hanno criticato l’intera agenda del governo per lo più direttamente: politiche economiche, la nomina di governatori e burocrati alla Banca centrale, il ritiro della Convenzione di Istanbul, il controverso rettore nominato all’Università Boğaziçi, le politiche educative, la magistratura politicizzata, la religione con forte enfasi su “laicità” (evidenziato per un totale di cinque volte in due discorsi), censura e repressione della stampa, la causa legale aperta per la chiusura del Partito democratico dei Popoli (HDP) incentrato sui curdi, la rimozione dello status di membro parlamentare di deputati, le tensioni politiche provocate dal governo, la disoccupazione, l’utilizzo delle risorse pubbliche (il rapporto tra imprese filogovernative e imprese pubbliche), disciplina fiscale, problematiche nelle relazioni regionali e internazionali. L’elenco potrebbe continuare.

Riguardo a tutti questi temi, ognuno dei quali è oggetto di continue tensioni, la borghesia industriale si trova in una posizione che critica apertamente le politiche del “Palazzo” [Palazzo Beştepe ad Ankara].I portavoce di TÜSİAD hanno anche criticato l’attuale paradigma relativo alla questione curda, che è correlato alla sopravvivenza ideologica e culturale del regime. Ciò che emerge principalmente da questi discorsi è una chiara obiezione all’egemonia del blocco dominante. Özilhan, nelle sue stesse parole, ha detto che gli “ultimi secoli” si sono evoluti in ciò che la borghesia liberale vede come “progresso”. Le soluzioni ai problemi moderni sono corrette solo quando sono in linea con questa tendenza generale.

Altre pratiche rimangono come “parentesi”, secondo Özilhan. Le soluzioni “quotidiane e alternative” sono indifese di fronte agli sviluppi storici, ha affermando, raggiungendo alla fine il suo punto di avvertimento che Erdoğan, può “rimanere chiuso nella parentesi”.

Ha fatto riferimento ad alcuni periodi della storia della Turchia, come il periodo del partito unico (1923-1945); Il colpo di stato del 12 settembre 1990 e il colpo di stato “postmoderno” del 28 febbraio.Tuttavia questo è un avvertimento da parte della borghesia industriale vecchia di 50 anni. Questo atteggiamento, che dà la priorità alla direzione del capitalismo globale e ai suoi bisogni, è in opposizione alle politiche del Palazzo.

Questa è una nuova espressione che evidenzia le chiare differenze di opinione tra le componenti dominanti del capitalismo turco. Una parte significativa dei capitali proprietari hanno annunciato la sua posizione per il futuro, pur mantenendo la sua opzione di contrattazione. Le osservazioni di Özilhan dovrebbero essere considerate insieme all’analisi del presidente del TÜSİAD Simone Kaslowski, che includeva riferimenti politici diretti: “La spinta del pacchetto di aiuti socialdemocratici da 1,9 trilioni di dollari della nuova amministrazione negli Stati Uniti avrà un impatto positivo sull’economia mondiale.

Lo scorso ottobre, il Fondo monetario internazionale (FMI) nel suo rapporto Prospettive dell’economia mondiale ha suggerito politiche socialdemocratiche come dare priorità agli investimenti pubblici, aumentare la quota fiscale delle società e dei ricchi. L’economista Korkut Boratav ha valutato questo come un discorso contro il “fanatismo neoliberista”, che ha ampliato le politiche fiscali keynesiane verso una direzione di sinistra. Il capitale TÜSİAD, parallelamente alle politiche del FMI e degli Stati Uniti, fa un ulteriore passo avanti e usa il termine “socialdemocratico” per sottolineare il suo allineamento con la strategia capitalista globale.

I discorsi all’assemblea generale, che ha coinciso con il 50 ° anniversario del TÜSİAD, così come l ‘”atmosfera” generale, hanno indicato la complicata situazione del capitalismo turco. Ma un altro punto che ha attirato l’attenzione quando si guarda al quadro generale è che la situazione attuale della Turchia è associata agli anni ’70. “Ci sono seri parallelismi tra oggi e gli anni ’70. Come 50 anni fa oggi, le dinamiche economiche e sociali hanno accelerato per farci pensare che siamo sull’orlo di una trasformazione “, ha detto Özilhan, citando il rapporto di lavoro del TÜSİAD del 1972, aggiungendo che” l’imprenditore turco ha un ruolo importante nel trasformare la nostro società in uno stato sociale avanzato. Tuttavia, la società turca ora si aspetta che gli imprenditori assumano un ruolo più informato e attivo nella risoluzione dei problemi sociali, che crescono ogni giorno “.

Nelle circostanze della Turchia, questa citazione può essere giustamente interpretata come una ricerca di motivazione, anche da parte della borghesia, nel suo riferimento al “glorioso passato”. Ancora più importante, i tradizionali “imprenditori turchi” ci stanno ricordando la loro funzione storica all’interno del capitalismo turco.

Proprio come durante gli anni ’60, il capitalismo commerciale venne sconfitto a favore della borghesia industriale e la Turchia si evolse rapidamente in una società industriale, mentre gli anni ’70 furono segnati in questa società borghese da conflitti di classe e guerre di classe aperte in cui la classe operaia è emersa come attore politico.

Non è un caso che TÜSİAD sia stata fondata un mese dopo il colpo di stato del 12 marzo 1971 (aprile 1971). Il 12 marzo è stata una sanguinosa controrivoluzione contro la possibilità della classe operaia, dei contadini poveri e dei movimenti giovanili di unirsi su base rivoluzionaria. Proprio come il colpo di stato del 27 maggio 1960 ha facilitato la trasformazione del capitalismo agricolo e commerciale in capitalismo industriale, il colpo di stato del 12 marzo è servito a schiacciare il potenziale rivoluzionario di questo ordine industriale.

Le parole di Memduh Tağmaç, capo di stato maggiore dell’epoca, riguardo alle condizioni del colpo di stato, lo rendono molto chiaro: “Il risveglio sociale aveva superato lo sviluppo economico”. Gli anni ’70 sono stati progettati per essere vissuti come previsto dal fascismo del colpo di stato del 12 marzo, ma la resistenza della società turca, in particolare la classe operaia e la gioventù patriottica, ha ribaltato questo sogno borghese.

Il caos a cui Özilhan si è riferito ,quello che ha dominato gli anni ’70 è questa stessa resistenza. Vehbi Koç, uno dei padri fondatori di TÜSİAD*, ha dichiarato: “Per me, quegli anni tra il 1973 e il 1980 sono stati un incubo”.

Gli anni ’70 furono un periodo che Özilhan ha paragonato ad oggi come un “cattivo esempio” quando i proprietari del capitale lo descrissero con caos e incertezza. Tuttavia se visti “esattamente dal lato opposto”, questi anni sembrano essere un periodo in cui la società turca era organizzata per resistere alle relazioni di sfruttamento capitalista e ai suoi attacchi politici di ogni tipo, dalla religiosità al nazionalismo.

I colpo di stato del 12 settembre 1980 marciò con il sostegno e l’applauso sincero di quegli stessi proprietari di capitali; mirava a rompere violentemente questa resistenza e ci riuscì in larga misura.

Gli anni di governo del Partito della giustizia e lo sviluppo (AKP), con il chiaro sostegno degli stessi ambienti di capitali, sono la materializzazione dello sforzo per rendere la Turchia una società di mercato a pieno titolo, sulla stessa strada percorsa dai colpi di stato nel 1971 e 1980. Gli interessi degli “imprenditori turchi”, che sono in armonia con il capitalismo globale, possono incontrare problemi con l’attuale regime di Erdoğan-AKP, ma ciò non rimuove questo fatto. Infatti, i portavoce di TÜSİAD stanno ricordando a Erdoğan, in questo contesto, che è il rappresentante politico di un regime della stabilità borghese e che “è stato esattamente così che c’è riuscito”.

Non è un caso che negli stessi giorni il presidente onorario del MÜSAD* Erol Yarar abbia scritto un articolo intitolato “La rivoluzione è l’unico modo” per difendere gli interessi di un altro segmento di capitale. Yarar ha rubato e adattato lo slogan rivoluzionario degli anni ’70 ai suoi interessi di classe, riferendosi alla lotta ai vertici del capitalismo turco. Questo furto islamista-borghese è significativo perché da allora questo gruppo è esistito con ciò che hanno rubato alla sinistra. Ha senso che sia stato accolto con entusiasmo in questo gruppo mediatico, che esiste da tempo basato sul “furto dalla sinistra” e che alla fine si è trovato solo alla “sinistra del regime”in questo ordine di estrema destra. In caso contrario, sappiamo che le posizioni di TUSIAD e MÜSİAD non sono diverse a fronte di una vera e propria rivoluzione.

La capacità del “Palazzo” di gestire le richieste di vari gruppi di capitali che hanno interessi diversi si è in qualche modo erosa. Considerando questo come un problema di “sopravvivenza”, si stanno ora rivolgendo al loro nucleo politicamente leale. Le osservazioni dei portavoce della capitale Istanbul indicano l’entità di questo deterioramento. In entrambi i discorsi, il ripetersi della disoccupazione, il calo dei salari, i problemi dei proprietari di piccole imprese, i riferimenti di Özilhan all ‘”impoverimento della società” e al fatto che “nei settori in cui la pandemia ha portato alla perdita di posti di lavoro, i redditi dei lavoratori, dei lavoratori autonomi e dei commercianti sono diminuiti, i loro livelli di benessere sono diminuiti” ha senso anche nella “battaglia al massimo livello”.

Questa ala della borghesia sente veramente il disagio all’interno delle classi lavoratrici. Naturalmente, prima lo vedono come un rischio; ma calcolano anche l’energia ivi accumulata e la possibilità di renderla funzionale alla propria lotta per l’egemonia. Lo hanno fatto in passato, anche nel processo che ha portato al governo dell’AKP.La parte più citata del discorso di Özilhan è stata la sua descrizione di un’atmosfera in cui la polvere non si è ancora depositata, e i confini di autorità e responsabilità sono “indistinti”. Include un fatto fondamentale che ogni persona “indipendente” che guarda la Turchia di oggi può vedere. Ma questa realtà di “polvere instabile” varia a seconda di dove ci si trova.

La vaghezza dei confini dell’autorità e della responsabilità, insieme alla polvere instabile, potrebbero significare qualcos’altro per Özilhan.Potrebbe essere la situazione in cui i burocrati della Banca Centrale (e le loro politiche) sono arbitrariamente determinati dal Palazzo. Un giorno prima, però, i magazzinieri della catena di supermercati Migros, membri del sindacato DGD-Sen, sono stati picchiati e arrestati mentre protestavano davanti alla casa di Özilhan. Questi lavoratori stanno sicuramente inalando un diverso tipo di polvere.

La tensione e l’attrito tra le classi proprietarie di capitale è un’opportunità per i lavoratori e la società. I lavoratori, che sono stati “portati” davanti alle ville dei membri della borghesia che pronunciano discorsi su democrazia e diritto, hanno dimostrato che il vero “progresso” nel paese può essere raggiunto solo attraverso trattative in cui i lavoratori sono inclusi anche come parte.

Mentre la coalizione di classe che ha formato il regime di Erdoğan si sta ora disintegrando portando a risultati significativi; ancora una volta, nelle parole di Korkut Boratav, il governo “in ritardo” sta cercando di inasprire e vincere la battaglia su chi governerà il capitalismo turco.

D’altra parte cresce l’importanza di ogni piccola resistenza, di ogni sfida ai lavoratori e ai giovani. Non è né l’ottimismo che andranno alle prime elezioni né il pessimismo che non andranno da nessuna parte.In questo momento storico, continuiamo a insistere sulla lotta sociale e sull’attività organizzativa. Osservando anche la possibilità più oscura, ma rifiutandosi di arrendersi ad essa, vedendo in questa crisi del capitalsmo le opportunità per il nostro futuro. Non siamo “piccoli”, non siamo “pochi”; abbiamo enormi opportunità in termini di storia finanziaria. La lotta su come governare il capitalismo turco non è una battaglia degli dei, dove si temono i fulmini. Possiamo vederla come il “cielo sereno” della società.

di Hakkı Özdal opinionista di Radikal. Evrensel e redattore di Yeni E.

* TÜSİAD organizzazione degli industriali

*MÜSİAD organizzazione nazionale dei produttori di pasta

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...