Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Cemille Turhallı: Abbiamo presentato ricorso contro la sentenza e la detenzione di Leyla Güven

L’avvocato della co-presidente del DTK Leyla Güven, Cemile Turhallı Balsak, ha richiamato l’attenzione sul fatto che la corte ha avuto una pausa di 45 minuti prima del verdetto ed era evidente dalla decisione che erano di fretta.

Cemile ha anche detto che hanno presentato ricorso contro la decisione e la situazione detentiva.

La co-presidente del Congresso della società democratica (DTK) Leyla Güven è stata arrestata e posta in detenzione due giorni fa, a seguito della condanna a 22 anni e 6 mesi di reclusione e del mandato di cattura emesso nell’ambito del caso presso la Corte penale di Diyarbakir.

Sebbene ci siano state reazioni da molti ambienti a riguardo all’arresto di Leyla, il suo avvocato Cemile Turhallı Balsak ha affermato che non era possibile dare un senso alle singole condanne pronunciate dal limite massimo e questo è stato irritante per l’opinione pubblica.

Non c’è stata una fase per decidere

Affermando che il mandato di cattura contro Leyla Güven è stato provocante per l’intero paese, Cemile ha dichiarato che questa decisione non è stata il risultato di un processo ordinario.

Ha osservato che Leyla era una personalità pubblica ed era anche co-presidente di un’istituzione con rappresentanza politica. Cemile ha dichiarato che Leyla era stata detenuta per quasi 5 anni nel caso principale del KCK, precedentemente descritto come il caso di cospirazione dei membri della FETO.

Cemile ha affermato: “Non c’era nessuna fase da decidere nel processo. In qualità di suoi avvocati, abbiamo dichiarato che c’erano altri processi contro Leyla Güven e che questi fascicoli dovevano essere uniti e fino a quel momento non si poteva prendere una decisione ”.

C’erano prove da raccogliere ma il tribunale le ha respinte

Affermando di essere stati costretti a fare una difesa dal tribunale, Cemile ha detto: “Abbiamo affermato che le condizioni della difesa non potevano essere in quel modo, anche se il pubblico ministero ha espresso un parere circa un mese fa, c’erano prove da raccogliere , c’erano casi che dovevano essere combinati e doveva essere fissata una nuova scadenza.

Perché è un dato di fatto che questo fascicolo per noi non è stato completato. Abbiamo detto che anche se fossimo costretti a difenderci in questa direzione, dovrebbe essere dato almeno un periodo di tempo e dovrebbero essere fornite per iscritto dichiarzioni dettagliate dopo l’incontro con la nostra cliente.Naturalmente, questa richiesta di tempo ragionevole è sempre una richiesta accettata nei procedimenti penali. Ma qui stiamo parlando di un caso eccezionale. In questo caso, come vediamo, c’è stato un atteggiamento specifico e uno scopo specifico.

Tutte le nostre obiezioni su questo argomento sono state respinte. Abbiamo visto che avevano fretta di prendere una decisione affrettata. Non aveva senso stare dalla parte difensiva, perché è stata presa una decisione e siamo stati costretti a difenderci. Abbiamo affermato che una difesa convincente limita il diritto alla difesa e non possiamo difenderla in questa situazione ”.

Non è possibile comprendere la pena detentiva data dal limite massimo

Cemile ha richiamato l’attenzione sul fatto che il tribunale ha avuto una pausa di 45 minuti ed è risultato evidente dalla decisione che erano di fretta. Cemile ha detto: “14 anni e 3 mesi per essere membro di un’organizzazione terroristica .. Quando guardiamo alla pena detentiva data per l’appartenenza a un’organizzazione, è una decisione che posso spiegare come eccezionale in termini di storia giudiziaria. Stiamo parlando di una persona con rappresentanza politica. Non è possibile dare un senso alla pena detentiva data da questo limite massimo se si considera che le attività completamente sottoposte a processo sono attività politiche.

Inoltre, Leyla Güven aveva quasi 18 casi combinati. È stata prosciolta in termini di propaganda, ma è stata condannata a 8 anni in totale per due distinte propagande. Questa è la prima pena detentiva che possiamo chiamare il limite massimo. Sebbene non conosciamo la motivazione della sentenza, non ha elementi giuridici. Inoltre, non è comprensibile essere puniti separatamente “.

Il nostro diritto alla difesa è stato negato

Sottolineando che Leyla non era in tribunale e che la decisione è stata presa senza di lei, Cemile ha detto: “È interessante notare che Leyla Güven, arrestata nel 2018, non è andata in tribunale dopo la sua detenzione in custodia cautelare. All’udienza è stato emesso un ordine di sgombero in cui non esistevamo. Purtroppo, la nostra presenza e assenza nelle prove non ha significato. Se c’è una decisione, può portare a un risultato negativo, se non c’è può portare a una decisione positiva. Ieri era assente e in sua assenza è stata presa una decisione. Non era importante se fossimo in tribunale o meno perché il nostro diritto alla difesa è stato negato.

Le condizioni per l’arresto non sono state soddisfatte

Ci sono determinate condizioni per l’arresto. Queste condizioni sono definite nella convenzione internazionale, nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo (AHIS) e nel 35 ° articolo della Costituzione. Per l’arresto ci deve essere un forte sospetto di colpevolezza, devono esserci delle prove e allo stesso tempo deve esserci un pericolo di fuga. Leyla Güven non ha queste situazioni. Il giorno prima del processo stava visitando i commercianti. Le disposizioni sul controllo giudiziario sono già state attuate da quasi due anni. Non c’erano problemi con questi controlli giudiziari. Non può esserci alcun accenno al sospetto di fuga, ha sempre agito con la certezza di questo.

È stata condotta al dipartimento antiterrorismo

Quando è stata arrestata dopo il verdetto, ci è stato detto che sarebbe stata portata in prigione, ma è stata portata all’ufficio anti-terrorismo (TEM). La mattina dopo è stata inviata al tribunale. È stata fatta solo l’identificazione. La decisione non le è mai stata nemmeno letta. L’ordine di detenzione è contro la legge. Se c’è un mandato di arresto, non puoi arrestare qualcuno. Il mandato di cattura deve essere eseguito e lei deve essere deferita al tribunale. Questo non è stato rispettato in alcun modo.

Abbiamo fatto appello contro la detenzione e l’arresto

Dopo questa fase, abbiamo presentato ricorso a un tribunale superiore per l’arresto.Non c’è ancora una decisione in merito al ricorso. Allo stesso tempo, ci siamo opposti alla detenzione. Poiché il tribunale ha emesso una condanna, continueremo con i tribunali nazionali. ”

 

ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...