Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iraq

Sale a sei il bilancio delle vittime nelle manifestazioni nel Kurdistan meridionale

Da quando sono iniziate le proteste contro il governo nel Kurdistan meridionale, il numero di dimostranti uccisi è salito a sei. Tutti i decessi sono stati causati dall’uso di armi da fuoco. Tra le vittime ci sono anche due minorenni.

È salito a sei il numero di manifestanti uccisi nella città di Sulaymaniyah nel Kurdistan meridionale dall’inizio delle proteste il 2 dicembre. Tutti i decessi sono stati causati dall’uso di armi da fuoco da parte delle forze di sicurezza dei due principali partiti di governo,il KDP (Partito democratico del Kurdistan) e il PUK (Unione patriottica del Kurdistan).

Tra le vittime ci sono anche almeno due minorenni. Una delle vittime è un sedicenne, di nome Emir Ubed, ucciso ieri a Said Sadiq. È morto per le ferite riportate martedì in un ospedale nel centro di Sulaymaniyah. Sempre a Said Sadiq, un dodicenne di nome Herêm Eli è stato ucciso oggi. La morte è stata confermata dal portavoce della stampa distrettuale, Taha Ahmed.

Secondo Ahmed, nelle ultime 24 ore anche dieci manifestanti e quattro agenti di polizia sono rimasti feriti a Said Sadiq.A Takiya, vicino a Chamchamal, le forze di sicurezza hanno anche aperto il fuoco su una manifestazione. Un attivista di 28 anni è stato ucciso e altri quattro sono rimasti feriti, alcuni dei quali gravemente. In risposta, i manifestanti hanno appiccato il fuoco all’ufficio locale del KDP. Tre persone ferite sono state segnalate da Ranya.

A Kelar, nella regione di Germiyan, alle forze di sicurezza sono state lanciate pietre dai manifestanti. Anche a Xurmal, Qeladiz, Kifrî, Zerayen, Pîremegrûn e Şarezu molte persone sono scese di nuovo in piazza.

Contesto delle proteste nel Kurdistan meridionale

Frustrati dal governo regionale del Kurdistan meridionale a Hewlêr (Erbil), le proteste sono esplose da mesi. Si diffondono rassegnazione e pessimismo, soprattutto tra le giovani generazioni, che chiedono riforme, co-determinazione e democrazia.La stagnazione economica, la dilagante disoccupazione giovanile e l’onnipotenza dei clan stanno rendendo i giovani disperati.

Il governo non è in grado di fornire servizi elementari, ancora una volta gli stipendi dei dipendenti pubblici non sono stati pagati per mesi o sono stati tagliati, i laureati non hanno prospettive e comunque non c’è elettricità regolare o un approvvigionamento idrico ben funzionante.

La regione importa tutto, ma non produce nulla ed è in gran parte dipendente dal regime di Ankara.I tentativi di occupazione e gli attacchi da parte della Turchia che violano il diritto internazionale sono tollerati o addirittura supportati. Il nome Barzani caratterizza gli equilibri di potere, e il nepotismo e la corruzione che si sono affermati negli ultimi anni stanno diventando sempre più visibili.Qualsiasi resistenza alla concentrazione di potere del clan viene schiacciata.

Ad aprile, il governo centrale iracheno ha alla fine smesso di trasferire la sua quota mensile del 12,6% dal bilancio statale alla leadership del kurdistan perché il KDP in cambio non aveva consegnato i 250.000 barili di petrolio previsti a Baghdad.

Hewlêr preferisce esportare il petrolio del Kurdistan meridionale indipendentemente dall’Iraq, ad esempio in Turchia. Attualmente consegna 450.000 barili al giorno.Ma la mancanza della quota di bilancio, che corrisponde attualmente a circa 900 miliardi di dinari (623 milioni di euro) al mese, ha messo sotto pressione il bilancio della regione autonoma nel corso della pandemia di Coronavirus.

Molti dei manifestanti sono dipendenti pubblici, un gran numero di loro insegnanti – il Kurdistan meridionale ha un grande settore pubblico, circa un milione dei cinque milioni di abitanti della regione sono dipendenti statali. Hanno dovuto sopportare mancati mancanti per anni.

Sebbene Baghdad e Hewlêr abbiano raggiunto un accordo la scorsa settimana nella disputa sulla quota di bilancio, i pagamenti salariali annunciati si sono rivelati nient’altro che aria fritta.Nel frattempo, il movimento di protesta ha annunciato che amplierà le manifestazioni.

ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

A Merdîn, i parenti del candidato dell’AKP Faruk Kılıç hanno attaccato gli osservatori del Partito della sinistra verde, che volevano registrare il voto di...

Iraq

La politica curda Azime Arsun è stata rapita dai servizi segreti del Partito democratico del Kurdistan in Iraq e consegnata alla Turchia per fare...

Iran

Martedì gli insegnanti iraniani hanno tenuto proteste a livello nazionale per chiedere migliori condizioni di lavoro e per protestare sia contro la recente detenzione...

Turchia

MERSIN – Durante la campagna elettorale a Tarsus, un poliziotto in divisa ufficiale è stato visto fare un gesto razzista al convoglio della Sinistra...