Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Appello dalla famiglia di Rojbin Cetin

La famiglia dell’attivista del TJA Sevil Rojbin Çetin, detenuta nella prigione di tipo E di Mardin da 6 mesi, ha notato il rischio di sviluppare un cancro all’intestino a causa di un’emorragia rettale di lunga durata. La sua famiglia ha chiesto il rilascio di Rojbin.

Sevil Rojbin Çetin attivista del Movimento delle donne libere (TJA) e membro del consiglio delle ammistrazioni locali è stata posta in detenzione per 12 giorni dopo essere stata torturata per tre ore con i cani durante una irruzione nella sua abitazione di Diyarbakır il 26 giugno.

Successivamente, è stata arrestata dal tribunale dove era stata portata e inviata alla prigione chiusa di tipo E di Mardin. Rojbin ha un’emorragia rettale da sei mesi e la sua salute peggiora.

La sua famiglia vuole che Rojbin venga rilasciata affinché venga curata perché preoccupata per i suoi problemi di salute.

C’è il rischio di cancro all’intestino

Affermando che Rojbin soffre di sanguinamento rettale da sei mesi, suo fratello e il dottor Erman Çetin, specialista in chirurgia generale, hanno affermato che potrebbe esserci il rischio di cancro intestinale in caso di sanguinamento a lungo termine.

Osservando che i pazienti con tali disturbi dovrebbero essere sottoposti a colonscopia, hano dichiarato: “Stavamo per iniziare un percorso di cura per la malattia di Rojbin. Stava per andare a Batman per fare una colonscopia, ma è stata arrestata e le sue cure non sono state avviate. Attualmente sta usando farmaci per la mancanza di ferro e per l’anemia.È necessaria una colonscopia. In precedenza aveva polipi alla cistifellea e ha subito un intervento chirurgico, ha detto.

Sono preoccupata per le condizioni di mia figlia

Sua madre, Refika Çetin, ha detto: “Non accetto che sia in prigione e non venga trattata come mia figlia è così malata. Sua madre, Refika Çetin, ha dichiarato: “Non accetto che sia in prigione e che non venga curata perché mia figlia è così malata. Nella telefonata che ho avuto con mia figlia ha detto ‘Non ci portano in ospedale a causa dell’epidemia. Abbiamo problemi di salute. Devono prendersi cura di noi “. Hanno portato mia figlia in ospedale solo una volta. Mia figlia ha detto che con il colpo ricevuto durante la tortura, i suoi occhi non possono vedere bene.Se non viene curata, potrebbe diventare cieca in futuro. Le condizioni carcerarie sono pessime. Sono preoccupato per le condizioni di mia figlia. “

Cosa risponderanno alle madri?

Sottolineando che non accettano pratiche rivolte ai detenuti malati, Refika ha detto: “Se i detenuti perdono la vita in prigione, cosa risponderanno alle loro madri?Mettono i nostri figli in prigione quando non hanno colpa. Non rilasciano i nostri figli perché difendono i loro diritti. Se Recep Tayyip Erdogan avesse una coscienza, direbbe “anch’io ho figli” e libererebbe i prigionieri. Non ha ancora visto i guai dei suoi figli, non può capirci. Ora lasciate liberi i nostri prigionieri ”ha detto.

Jinnews

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...