Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Akin Birdal: L’isolamento è una questione di diritti umani

Il presidente onorario di İHD, Akın Birdal, ha affermato che l’isolamento imposto al leader del PKK Abdullah Öcalan è una “questione di diritti umani” e ha sottolineato che l’isolamento dovrebbe cessare e Imrali dovrebbe essere chiusa.

In occasione del 72 ° anniversario dell’adozione della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite (ONU) il 10 dicembre 1948, in Turchia si registrano enormi quantità di violazioni dei diritti.

Una delle più importanti di queste violazioni è l’isolamento assoluto imposto al leader del PKK Abdullah Öcalan, che è detenuto nella prigione di alta sicurezza di tipo F di İmralı da 21 anni.

I prigionieri che chiedono la fine del continuo isolamento, hanno iniziato il,27 novembre uno sciopero della fame a tempo indeterminato e a rotazione. Il presidente onorario dell’Associazione per i diritti umani (IHD) Akin Birdal ha valutato queste violazioni, l’atteggiamento della CEDU, le dichiarazioni del presidente sulla riforma giudiziaria, la questione curda e l’isolamento a İmralı.

La Cedu rimane in silenzio

Criticando l’atteggiamento della CEDU nei confronti dei diritti umani, Akin Birdal ha affermato: “La CEDU è semplicemente uno spettatore delle violazioni dei diritti in Turchia.

Prendete l’isolamento a İmralı. Il CPT non visita la prigione di İmralı da molto tempo e anche quando ci vanno, non condividono il loro rapporto con il pubblico o l’opinione pubblica democratica europea.

In altre parole, il fatto che i meccanismi di controllo internazionale non siano deterrenti, incoraggia quegli stati in termini di violazioni dei diritti.

Dichiarazioni di riforma

AkinBirdal ha affermato che in queste circostanze l’ostilità dilaga in Turchia. Akin Birdal ha affermato: “L’ostilità contro la comunità curda … La nostra fondazione per i diritti umani ha un bollettino quotidiano, e sicuro di questo, leggere quel bollettino è doloroso. Ci sono persone che vengono detenute e arrestate ogni giorno ad Amed, Hakkari, Şırnak, Siirt, Muş e Van.

Dopo che il presidente ha menzionato una riforma giudiziaria due settimane fa, quasi un migliaio di dirigenti, copresidenti distrettuali e provinciali sono stati arrestati.Vengono arrestati, tutti i politici curdi sono dietro le sbarre ma, nonostante tutto questo, non possono mettere a tacere le legittime richieste dei curdi “.

Tutti dovrebbero essere un po’ curdi

Akin Birdal, che ha sottolineato che tutti dovrebbero mostrare empatia ed essere un po ‘curdi per porre fine all’ostilità contro i curdi, ha affermato: “Penso che tutti dovrebbero mostrare un po ‘di empatia ed essere un po’ curdi per porre fine a questa ostilità. Tutti dovrebbero essere nei loro panni per una soluzione a queste violazioni dei diritti. Abbiamo bisogno di più coraggio e di lotta. C’erano 57mila prigionieri quando l’AKP è salito al potere. Ora i prigionieri sono 287mila e almeno mille sono detenuti malati. Se ci sarà una pace sociale e ci sarà una riforma della giustizia, i difensori dei diritti, i giornalisti, i politici e gli avvocati devono essere immediatamente rilasciati “.

Isolamento ad Imrali

Descrivendo l’isolamento imposto al leader del PKK Öcalan come una “questione di diritti umani”, Akin Birdal ha affermato: “Fin dall’inizio, abbiamo affermato che l’isolamento è una questione di diritti umani, una questione di giustizia, una questione legale e, soprattutto, un problema del popolo curdo.

Gli scioperi della fame e i digiuni fino alla morte si sono conclusi nel 2019, con l’incontro di Öcalan con i suoi avvocati. Ma dopo non riescono ancora a incontrare le loro famiglie e gli avvocati. Ebbene, non è questo un problema delle istituzioni legali internazionali e della comunità internazionale?Non è un problema del CPT? Non è il problema della Grande Assemblea nazionale turca? O non è un problema per le istituzioni legali? È solo un problema dei curdi o delle famiglie di quelli di Imrali? No, è un problema di tutti, perché è una questione di democrazia e una questione di pace. Per questo vogliamo che l’isolamento finisca e che Imrali venga chiuso ”.

MA

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...