Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it
CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 90

Siria

Hatip Dicle avverte: Il conflitto produce disastro, l’unità ed il dialogo sono essenziali

Affermando che la tensione costruita dal KDP nella regione del Kurdistan federato è foriero dell’operazione che sarà lanciata dalla Turchia, il politico Hatip Dicle ha affermato: “Nessun movimento curdo deve essere coinvolto in un birakujî ( fratello che si uccide a vicenda). L’insediamento di un gruppo di peshmergas affiliato al Partito democratico del Kurdistan (KDP) nella regione Zînî Wertê della regione del Kurdistan federato a marzo ha causato tensioni.

L’accordo di Shengal firmato tra il governo centrale iracheno e il governo regionale del Kurdistan federato e il trasferimento di un potere speciale affiliato al KDP nella regione di Garê hanno accresciuto le tensioni. Poi, all’incontro tenutosi il 27 ottobre con la partecipazione degli amministratori del MIT nella residenza del presidente del KDP Mesut Barzani, che ha dato un segnale di “guerra” contro il PKK nella regione, è stato rivelato che è stata presa una decisione sull’operazione contro Garê .Questa decisione e l’attività militare del KDP nella regione hanno causato preoccupazioni tra i curdi per il birakuji (la guerra tra fratelli).

Il politico esperto e membro del consiglio di Imrali Hatip Dicle, ha risposto alle nostre domande sulle tensioni causate dal KDP nella regione del Kurdistan federato.Parlando dell’avvertimento che la guerra tra i curdi potrebbe trasformarsi in un genocidio curdo, Dicle ha affermato:È chiaro che un possibile conflitto armato tra le forze del KDP e la guerriglia per la libertà creerà opportunità storiche per lo stato turco per nuove mosse militari. La dichiarazione di Mevlüt Çavuşoğlu, ministro degli Esteri turco, fa presagire una nuova operazione che sarà lanciata dalla Turchia.In una situazione del genere, è altamente probabile che lo Stato turco mobiliti l’ISIS nel Kurdistan meridionale, in particolare sulla linea Mosul-Kirkuk. A seguito di questa mossa, lo stato turco probabilmente mobiliterà i suoi carri armati da due parti, una parte sarà Hewlér mentre l’altra sarà Mosul e Kirkuk.Indubbiamente non diranno che invadere quelle terre è il loro sogno come stato e che lo stanno realizzando, ma che stanno cercando di proteggere Erbil, Mosul e Kirkuk dall’invasione dell’ISIS e del PKK.Proprio come hanno affermato, hanno effettuato l’invasione a Kıbrıs nel 1974 per la “pace”.Proprio come hanno chiamato l’operazione contro il Rojava “Sorgente di pace”.

Non è chiaro quando il PKK ha rilasciato una dichiarazione ufficiale che non sarà l’aggressore in alcun modo se non per difendersi, il disastro che KDP potrebbe causare supererà la battaglia di un fratello e si trasformerà in un genocidio?Ci sarà uno status di “Kurdistan federato” dopo un tale conflitto? Coloro che hanno familiarità con il concetto di annientamento della Turchia, possono prevedere un simile scenario.

Spero che la saggezza vinca. Il popolo curdo non sarà vittima di errori di calcolo e false promesse.Commentando la soluzione a questa situazione così intensa, Dicle ha detto: “Non c’è dubbio che tutti i partiti, ogni organizzazione curda e ogni patriota del Kurdistan hanno il dovere di porre fine a questa pericolosa tensione il prima possibile.

Il comportamento moderato, il discorso e lo stile dei dirigenti del KCK, in particolare il membro del Comitato Esecutivo del PKK Mr. Karayilan, sono al di là di ogni apprezzamento. A differenza di alcuni alti dirigenti del KDP, non hanno usato un linguaggio provocatorio. L’atteggiamento e gli appelli dei partiti del Bashur,del Rojava,del Rojhilat e del Bakûrê Kurdistan, in particolare il Movimento YNK e Goran, e le organizzazioni democratiche di massa sono stati in un modo che rafforza la linea di unità nazionale.

Tuttavia, questa tensione ha anche aperto una discussione su quale tipo di unità nazionale è preferibile.

Indubbiamente, quando il Kurdistan è stato diviso in 4 partiti un centinaio di anni fa, è successo contro la volontà del popolo del Kurdistan. Pertanto, i confini di stato che dividono il Kurdistan non possono essere considerati legittimi dalle forze patriottiche curde. Partiti di ogni parte possono lavorare e organizzarsi liberamente in ogni angolo del Kurdistan. Legittimare i confini causerà conflitti e danneggerà l’unità nazionale. Indubbiamente, ogni partito del kurdistan può mantenere relazioni con vari stati, ma nessun partito dovrebbe cooperare con un altro stato contro un’altra organizzazione del kurdistan. Inoltre, potrebbe rendersi necessario condurre una lotta armata contro le politiche degli stati colonialisti e occupanti che vogliono sterminare i curdi in ogni parte del Kurdistan.

n una tale situazione, nessun movimento del kurdistan deve cooperare con lo stato aggressivo in una guerra di fratelli chiamata birakuji. Un altro principio dovrebbe essere il seguente: i partiti del Kurdistan dovrebbero risolvere vari problemi tra loro attraverso mezzi politici nel dialogo, e non dovrebbero nemmeno pensare di usare armi l’uno contro l’altro per qualsiasi motivo. Dobbiamo renderla una “legge nazionale” in Kurdistan. Questo è ciò che deve essere fatto. ”

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...