Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Gülseren Yoleri: Il governo sta polarizzando la società

La presidente della sezione di IHD di Istanbul Gülseren Yoleri ha sottolineato che le recenti violazioni dei diritti nella regione sono aumentate a causa della politica di impunità e ha affermato: “La politica ostile seguita dal governo sta polarizzando la società”. Secondo i dati delle istituzioni per i diritti umani, il diritto alla vita è stato violato 238 volte nei primi 11 mesi dell’anno. La maggior parte di queste violazioni è avvenuta nelle città curde.

È il risultato delle politiche di Stato

Valutando la tortura e le violazioni del diritto alla vita, Gülseren Yoleri, presidente della sezione di Istanbul dell’Associazione per i diritti umani (IHD), ha affermato che le violazioni dei diritti sono il risultato della politica del governo nei confronti dei curdi. Ricordando che tali incidenti non si sono verificati durante il ‘processo di soluzione democratica’,Gülseren Yoleri ha affermato: “L’idea di pace e di convivenza viene messa in secondo piano, facendo sì che tali eventi si moltiplichino nuovamente. Il modo in cui il governo affronta la questione è molto importante. Quando vediamo i curdi come nemici piuttosto che come esseri umani, si verificheranno più violazioni “.

Vedono le persone come i loro nemici

Esprimendo che il governo ha reso la politica dell’impunità un fenomeno in tutti i crimini finora commessi, Gülseren Yoleri ha affermato: “In tutti i massacri e casi di tortura, questo fattore di impunità appare come un problema serio.L’approccio ostile del governo rende inevitabili torture, morte e stupri.

Perché i funzionari statali inviati nelle città curde vedono gli abitanti della regione come nemici. Questo approccio si riflette sulle persone come violenza sessuale alle donne, tortura dei cittadini che vivono nella regione e violazioni del diritto alla vita. Sfortunatamente, finché continuerà l’approccio ostile dello Stato, dovremo continuare a parlare costantemente di questi eventi.Il governo deve cambiare queste politiche affinché questi eventi finiscano “.

Affermando che nel 1980, alle condizioni imposte dal colpo di stato del 12 settembre, le forze dell’ordine cercavano di trovare un modo per far sembrare le cose legali, Gülseren Yoleri ha dichiarato che le forze dell’ordine oggi non vedono più la necessità di nascondere queste cose, a causa alla politica dell’impunità.

Stanno polarizzando le persone

Affermando che la politica ostile perseguita dal governo sta polarizzando le persone, Gülseren ha detto: “Questo atto di polarizzazione si manifesta come attacchi razzisti contro i curdi a ovest. Una persona che parla curdo può essere attaccata a Istanbul. Il governo interiorizza l’ostilità nei confronti dei curdi e la usa come mezzo per polarizzare la società “.

La pressione è istituzionalizzata

Affermando che c’è una grande folla nella società che non accetta questa polarizzazione, ha detto che il governo sta cercando di rendere passive queste persone con detenzioni e arresti. Gülseren ha affermato: “Oggi quella pressione sulla gente sta diventando sempre più permanente e istituzionalizzata. L’opposizione deve avere un programma di lotta contro queste pressioni. Ma l’opposizione è nella posizione di essere trascinata sui problemi causati dal governo.L’opposizione deve uscire con urgenza da questa posizione e produrre politiche che rallenteranno o fermeranno il governo.

L’idea di pace deve essere rafforzata

Sottolineando che la dichiarazione di pace annunciata dal Partito Democratico dei Popoli (HDP) è molto importante in questo senso, Yoleri ha affermato che molti problemi sono direttamente legati alla politica di guerra dello Stato, quindi l’idea di pace dovrebbe essere rafforzata. Yoleri ha aggiunto che dovrebbe essere organizzata una reazione totale sulle questioni riguardanti la vita umana “. Ha aggiunto che dovrebbe essere organizzata una reazione totale sulle questioni riguardanti la vita umana “.

MA

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Report

La delegazione dei COBAS composta da Renato Franzitta (PA), Franco Coppoli (TR), Diana Di Lollo (Sulmona), Cosimo Quaranta (BR), Domenico Ranieri (Vasto), Davide Restelli...

Turchia

Gli abitanti dei villaggi di Cizîr (Cizre) sono stati minacciati prt votare per l’AKP, a Qileban la delegazione internazionale non è stata ammessa alla...

Turchia

Gli osservatori elettorali del Partito della giustizia e lo sviluppo (AKP) il 14 maggio hanno picchiato un membro del Partito dei lavoratori di Turchia...

Turchia

AĞRI – Il guardiano di villaggio che è entrato a Giyadin nella scuola con la arma a canna lunga a è stato ostacolato con...