Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Leyla Güven: Ci mobiliteremo con tutte le nostre forze

La co-presidente del DTK Leyla Güven ha criticato aspramente le operazioni di genocidio politico, affermando; “Continueremo la nostra resistenza. Non ci sottometteremo mai a queste politiche. Ci mobiliteremo con tutte le nostre forze “.

Durante le operazioni di genocidio politico contro il Congresso della società democratica (DTK) venerdì sono stati emessi 101 mandati di detenzione e finora 72 persone sono state arrestate.

Il co-presidente di DTK Leyla Güven ha dichiarato; “Non riconosceremo questo concetto che si basa su un piano di collasso”. Leyla Güven ha proseguito “L’AKP ora crede che non ci sia alcun problema curdo, sostenendo di aver risolto il problema.

 L’AKP ha respinto tutti i negoziati, compreso l’accordo di Dolmabahçe. Questa mattina, in molte province, specialmente a Diyarbakir, sono stati emessi mandati di cattura per 101 persone che in passato erano stati delegati del DTK, avevano un distintivo o un taccuino del DTK a casa “.

Güven ha anche osservato quanto segue:

“Questa operazione ci mostra che l’AKP è giunto al termine. I dittatori diventano più aggressivi quando si rendono conto che devono andarsene.

Tentano di intimidire le persone, quindi creano un’atmosfera in cui nessuno mette in dubbio lo status quo.Tutte le istituzioni europee, l’Unione europea in particolare, si preparano a imporre sanzioni alla Turchia.Perché nulla sta andando bene in Turchia, in particolare nel settore giudiziario. La Turchia introduce riforme perché sa che le sanzioni future stanno arrivando.Recentemente Bülent Arinc ha detto questo, poi qualcun altro lo negherà e il partner minore minaccia l’opposizione.

Pertanto, ciò che il governo fa di meglio in una simile atmosfera è attaccare i curdi. Sta cercando di restare in piedi attaccando i curdi.Questa non è una lotta contro il terrorismo, ma una lotta contro i curdi. Per loro non fa differenza, che si tratti di una donna, di un avvocato o di un medico.I due partner non possono essere d’accordo su questo argomento. Il governo sta perdendo e la lotta è iniziata. Quando gli elefanti combattono le formiche, i curdi muoiono.

Continueremo la nostra resistenza. Non ci piegheremo mai a queste politiche. In passato era il piano di riforma orientale, ora non accetteremo questo concetto che hanno imposto ai curdi come il piano di collasso e ci mobiliteremo con tutte le nostre forze in un quadro democratico. Negheremo questo concetto. “

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...