Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Lettera aperta al presidente della Corte europea dei diritti dell’uomo Robert Spano

Gentile Sig. Spano, La vostra visita in Turchia la scorsa settimana ha profondamente deluso coloro che lottano per i diritti umani, la democrazia, l’uguaglianza e lo Stato di diritto. La vostra visita nel mio paese, dove lo Stato di diritto è stato ignorato e centinaia di migliaia di persone sono illegalmente detenute, avrebbe potuto essere molto diversa.  Con la vostra visita, avreste potuto dare potere a persone e istituzioni che lottano per i diritti umani, la democrazia, l’uguaglianza, la libertà e l’indipendenza giudiziaria, e rinnovato la loro fiducia nella Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU), che è diventata un meccanismo di soccorso per migliaia di persone di fronte all’illegalità in questo paese. Tuttavia, trascurando i principi del tribunale che conduci, uno dei più preziosi tribunali per i diritti umani al mondo, avete scelto un’altra strada.

L’Università di Istanbul, dove avete ricevuto il dottorato honoris causa durante la vostra visita, ha licenziato illegalmente quasi 192 accademici per decreto. L’Accademia della giustizia (Adalet Akademisi), dove avete tenuto un discorso, non si è pronunciata quando 4.260 giudici e pubblici ministeri sono stati licenziati negli ultimi quattro anni e non ha lottato per i loro diritti quando migliaia di loro sono stati scaraventati in prigione.

Negli ultimi anni la Corte costituzionale e la Corte suprema che avete visitato hanno registrato scarsi risultati in materia di diritti umani e dello stato di diritto. Infine, il governatore della provincia meridionale di Mardin che avete visitato è stato nominato dal governo in sostituzione di Ahmet Türk, eletto democraticamente con oltre 200.000 voti.

Gentile Sig. Spano,

La Turchia è in una terribile oscurità con centinaia di persone che aspettano giustizia da molti anni. Quando avete visitato il mio paese, avreste dovuto ascoltare le persone e le istituzioni che lottano per i diritti umani, nonché le organizzazioni non governative. Tuttavia, quando incontrate funzionari statali e del partito al governo, ma decidete di non rincontrare le persone che sono state vittime delle pratiche dello stato e del governo, gettate una grande ombra sull’imparzialità di voi stessi della CEDU.

Gentile Sig. Spano,

Il sistema giudiziario e lo Stato di diritto nel mio paese sono stati distrutti da molto tempo. Centinaia di migliaia di persone, politici, difensori dei diritti umani, giornalisti e scrittori sono in prigione. Per cosa? Perché sono contrari al governo, perché vogliono la pace, perché vogliono la libertà, perché la pensano diversamente da chi è al potere, perché scrivono, perché dicono “i bambini stanno morendo”, a volte perché indossano un foulard giallo-rosso-verde che simboleggia la cultura curda, a volte perché cantano una canzone curda.

I loro casi, compreso il mio, un giorno arriveranno alla CEDU. Come giudicherà questi casi contro il governo turco? In qualità di difensore dei diritti umani e giornalista, come potrò fidarmi della sua imparzialità quando il mio caso arriverà alla CEDU, onorevole Spano?

Il mio caro amico Osman Kavala, un filantropo turco e attivista per i diritti umani è stato ingiustamente in prigione per 1.044 giorni nonostante la decisione della CEDU di liberarlo. Pensateci, signor Spano, il vostro arrivo avrebbe potuto portare speranza ai nostri amici che contano i giorni e le ore in cella.

Il vostro arrivo avrebbe potuto essere una piccola luce di speranza per Kavala, Selahattin Demirtaş, Ahmet Altan e molti altri. Nonostante i verdetti della CEDU che chiedono il loro rilascio, Demirtaş e Kavala sono ancora dietro le sbarre, ed è per questo che la vostra visita francamente, mi fa arrabbiare.

Con il vostro viaggio avete fornito legittimità al regime oppressivo in Turchia che ignora le decisioni del tribunale che rappresenti e hai minato i principi della CEDU.

Signor Spano, c’è un distretto a Mardin dove lei ha incontrato il governatore, si chiama Nusaybin. L’ultimo coprifuoco a Nusaybin è iniziato il 14 marzo 2016 ed è durato 134 giorni. Quasi cento persone sono morte in questi 134 giorni, con i sei quartieri più popolosi di Nusaybin completamente distrutti.

45.000 residenti di Nusaybin sono rimasti senza casa. Alcuni dei corpi non sono mai stati trovati. Se andasse a Nusaybin, che dista solo mezz’ora da Mardin, signor Spano, vedrebbe lapidi numerate nel cimitero. Appartengono a coloro la cui identità non può essere determinata a causa di una mancanza di integrità fisica che li rende irriconoscibili.

Anche dopo cinque anni di conflitto vedreste genitori alla ricerca di un pezzo, di un osso dei loro figli.

Ma avete scelto di vedere quello che volevate vedere, non quelli che cercano giustizia, non quelli che cercano i diritti dei loro figli. Avete scelto di non sentire la voce della giustizia a noi sussurrata a dai cimiteri e dalle prigioni di questo paese.

Invece vete scelto di essere “onorato” da uno stato che viola sistematicamente i diritti umani e lo stato di diritto, crimini spesso condannati dalla CEDU.

Avete danneggiato non solo il vostro onore, ma anche quello della corte che rappresentate che ha sostenuto la scoperta di molte fosse comuni e omicidi irrisolti in questo paese ed è stata una speranza per i cittadini in cerca di giustizia sin dagli anni ’90.

Penso che questa macchia sulla CEDU possa essere rimossa solo dalle vostre dimissioni.

  • Nurcan Baysal
  • giornalista

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Il Comitato esecutivo centrale del partito DEM ha avvertito che gli attacchi contro gli operatori della stampa libera in Turchia e in Europa sono...

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...