Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Attacco razzista ai lavoratori curdi nella provincia turca di Sarkaya

Circostanze già difficili per i lavoratori stagionali curdi, aggravate dal razzismo della popolazione turca nella Turchia occidentale. 16 lavoratori stagionali di Mardin che si sono recati nella provincia di Sakarya nel nord-ovest della Turchia per lavorare nei campi di nocciole, sono stati attaccati dal loro datore di lavoro e dai residenti locali.

Uno dei lavoratori attaccati, Barış Demir, ha dichiarato quanto segue: “La mattina siamo andati in nel campo lavorare. Il datore di lavoro è venuto da noi e ci ha insultati chiamandoci “branco di cani”. Mentre stavamo uscendo dal campo, ci ha minacciati dicendo “prendi questo posto per casa tua? Questa terra è nostra ”. Poi tutte le otto persone presenti ci hanno attaccato con dei bastoni. “

Dopo l’attacco razzista, i lavoratori curdi sono partiti per la loro città natale.

Gli attacchi razzisti contro i curdi non sono rari

In Turchia sono frequenti i linciaggi razzisti contro i curdi. Alla fine di maggio, un curdo di 20 anni è stato accoltellato a morte per strada ad Ankara perché ascoltava musica curda. Lo scorso autunno, un pensionato di 74 anni è stato aggredito da un razzista in un ospedale di Çanakkale, nella Turchia occidentale perché aveva parlato in curdo con sua moglie. Più o meno nello stesso periodo a Istanbul, c’è stata una grave aggressione razzista della polizia contro un autista di autobus di origine curda in una stazione degli autobus. Il timpano dell’uomo è scoppiato a seguito dell’attacco. In estate, un gruppo di turisti del Kurdistan meridionale è stato attaccato da una folla razzista mentre visitava la città di Trabzon, sulla costa del Mar Nero. Nove delle vittime sono state successivamente arrestate. Alla fine del 2018 un curdo è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco a Sakarya perché rispondeva “sì” alla domanda se fosse un curdo. A sua difesa, l’aggressore ha dichiarato di essere ubriaco e di non ricordare nulla.

Anche i siriani vivono in pericolo

Anche le condizioni per i rifugiati siriani in Turchia sono pericolose. Due settimane e mezzo fa, un giovane siriano di 21 anni è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco ad una fermata dell’autobus a Istanbul. Testimoni hanno affermato che l’autore prima di sparare due colpi aveva gridato “Torna in Siria”. Ad aprile, un rifugiato siriano di 19 anni ad Adana è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da un poliziotto.

ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...