Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Piattaforma delle donne di Ankara: La Convenzione di Venezia ci tiene in vita

La polizia è intervenuta contro la Piattaforma delle donne di Ankara che voleva fare una dichiarazione sulla Convenzione di Istanbul. Poste in custodia durante l’intervento della polizia, 30 donne sono state rilasciate a tarda notte.

Un gruppo di donne della Piattaforma delle donne di Ankara si è riunita ieri (12 agosto) a Kolej nella capitale Ankara e ha voluto rilasciare una dichiarazione alla stampa contro i femminicidi in Turchia e il possibile ritiro del paese dalla Convenzione di Istanbul.

Tuttavia, la polizia ha impedito la dichiarazione. Gli agenti di polizia hanno chiesto alle donne che si sono radunate davanti alla stazione della metropolitana di Kolej di disperdersi perché bloccavano il traffico pedonale e automobilistico. Circondando le donne, la polizia ha tentato di disperderle mentre le donne protestavano contro l’intervento della polizia, affermando che anche lì era in atto la violenza maschile.

Gli agenti di polizia hanno arrestato diverse donne con le manette. Tra le donne arrestate c’era anche Eylem Akdağ, giornalista dell’agenzia Mezopotamya. Come riportato dall’Agenzia Mezopotamya, 30 donne detenute durante l’intervento della polizia sono state rilasciate a tarda notte.

Le donne si trovano davanti alle possibili accuse di “violazione della legge su incontri e manifestazioni” e “resistenza alla polizia”. Affermando di essere state maltrattate durante la detenzione e sottoposte a maltrattamenti, le donne non si sono presentate al dipartimento di polizia. Sono state rilasciati a seguito alle relative formalità presso il dipartimento di polizia e del controllo medico.

Dopo essere state rilasciate le donne hanno protestato per la loro detenzione aprendo gli striscioni che portavano all’inizio della giornata e cantando lo slogan “La Convenzione di Istanbul ci mantiene in vita”!

I nomi delle donne rilasciate sono i seguenti: Avvocato Sevinç Hocaoğulları, Nebiye Merttürk, Buse Üçer, Aysun Gençtanır, Zeynep Tan, Aylin Kalp, Kardelen Demir, Emel Vural, Yağmur Alaz Gülveren, Gülçin Polat, Sena Bademliude Sivri, Gülbahar Gündüz, Beste Uymaz, Tuğba Koçer, Serap Kaplan, Meziyet Yıldız, Zelal Su Değirmenci, Deniz Keles, İpek Arapoğlu, Dicle Paşa, Derman Gülmez, Songül Kurt, Meryem Gönbe, Siblarset Gökta

 

MA

 

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...