Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Femminicidio in Turchia: 36 donne assassinate a luglio

La piattaforma “Noi fermeremo il femminicidio” (Kadın Cinayetlerini Durduracağız, KCDP) ha presentato il suo rapporto per luglio. In esso, l’organizzazione documenta un totale di 36 omicidi di donne in Turchia commesse in un mese. Altre undici donne sono state trovate morte in modo sospetto.

Secondo il bilancio di tutti gli omicidi registrati dalla polizia e pubblicati sui media, in 18 casi non è stato possibile stabilire perché le donne siano state uccise. Il 92 percento delle vittime è stata uccisa da mariti violenti, amici, ex compagni o parenti maschi, cinque delle quali “per motivi finanziari”, altre tredici perché volevano divorziare o separarsi, respingere uomini o perché volevano decidere da sole delle loro vite.

Non è stato possibile accertare se in precedenza avevano ottenuto un ordine di protezione dalle autorità di sicurezza, come ad esempio un divieto di avvicinamento o di contatto. Solo nell’otto percento dei casi è stato definitivamente escluso che le donne potessero avvalersi della legge sulla protezione contro la violenza.

“Il fatto che non sia stato possibile determinare l’antefatto in 18 casi di femminicidio è una conseguenza dell’occultamento della violenza contro le donne e il femminicidio. Finché non viene scoperto perché e da chi vengono assassinate le donne, gli autori non vengono perseguiti e non vi sono sanzioni deterrenti, le misure di prevenzione non vengono attuate, l’entità della violenza contro le donne continuerà a crescere “, ha affermato la piattaforma.

Chi erano gli autori?

Una panoramica del bilancio dell’organizzazione per i diritti delle donne con sede a Istanbul mostra gli autori dei reati per gli omicidi delle donne a luglio. Secondo il rapporto, undici donne sono state uccise dai loro mariti, altre cinque dai loro partner. In altri cinque casi, i maschi erano conoscenti, e sei donne sono state uccise da ex fidanzati. Sei donne sono state uccise dai loro padri, figli o altri parenti maschi.

Le armi da omicidio utilizzate erano principalmente armi da fuoco. 24 donne sono state colpite, cinque pugnalate, tre strangolate, una picchiata a morte e un’altra spinta giù da un edificio.Il 50% delle donne è stato assassinato nelle proprie case, un altro 17% in strada.

KCDP: attuare la convenzione di Istanbul!

Nel suo rapporto, la piattaforma KCDP sottolinea che coloro che si sentono “disturbati” dall’uguaglianza di genere affermano che la Convenzione di Istanbul metterebbe in pericolo o distruggerebbe le strutture familiari tradizionali e la coesione familiare.

Nonostante il tasso scioccante di femminicidio, il governo dell’AKP ha discusso per qualche tempo se ritirarsi dalla Convenzione, che mira a frenare la violenza contro le donne, in particolare la violenza domestica, e a rafforzare la parità di genere.

I circoli conservatori in Turchia attribuiscono persino l’aumento del femminicidio nel paese alla Convenzione di Istanbul, sebbene il 2011 – l’anno in cui è stata redatta la legge sulla Convenzione del Consiglio d’Europa – abbia uno dei tassi di femicidi più bassi in Turchia, critica KCDP. È solo perché regolamenti come la legge n. 6284, che secondo l’AKP dovrebbe fungere da “mantello protettivo per le donne”, non sono o sono appena attuati, che la violenza maschile in Turchia è di nuovo in aumento.

 

MA

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...