Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Comunicato del TJA sulle detenzioni

Forze speciali turche hanno arrestato attiviste del TJA e membri e dirigenti dell’Associazione delle donne Rosa – anch’esse attiviste del TJA – hanno fatto irruzione nelle loro case e hanno sfondato le porte dopo mezzanotte. Hanno messo un ordine di riservatezza di 24 ore sul fascicolo del caso e non hanno fornito informazioni a nessuno per un’intera giornata. Hanno fatto irruzione nell’ufficio dell’Associazione delle donne Rosa e hanno confiscato i loro documenti ufficiali in assenza dei loro avvocati. L’associazione delle donne Rosa è stata istituita dopo che tutte le organizzazioni femminili di Amed sono state chiuse con decreti governativi nel 2016 ed è l’unica organizzazione femminile impegnata nel lavoro di supporto e nella lotta attiva contro la violenza contro le donne. Gli avvocati presenti quando i pubblici ministeri hanno preso testimonianza ci hanno informato che ai nostri amici vengono poste domande come:

Perché hai organizzato la manifestazione dell’8 marzo? Qual era il tuo obiettivo?
Perché hai rilasciato dichiarazioni stampa sulla sostituzione dei sindaci con amministratori fiduciari nominati dal governo? Qual era il tuo obiettivo?
Perché hai sostenuto le attività delle Madri della Pace per spingere lo stato ad accettare le richieste umanitarie degli scioperanti?

Tutte le dichiarazioni che hanno fatto in merito alla lotta delle donne e delle donne vengono illegalizzate e criminalizzate. È stato anche chiesto loro di rispondere perché le organizzazioni e le associazioni delle donne si sostengono a vicenda. Si sono confrontati con la domanda:
Qual è il rapporto tra TJA e l’associazione delle donne Rosa ? Perché si sostengono l’un l’altro?
Il diritto e la libertà delle donne all’organizzazione indipendente sono considerati una questione incriminante. Tutti gli utilizzi del diritto alla libertà di espressione a favore della libertà delle donne sono trattati come prove incriminanti. L’uso dei diritti alla libertà di organizzazione e di espressione che sono sotto la garanzia del diritto e degli stati internazionali è diventato qui e ora un crimine che porta all’arresto delle donne. Dichiarazioni della stampa rese nel corso della nostra lotta contro la violenza contro le donne, la nostra attività con lo slogan “il sistema della co-presidenza è la nostra linea viola” è diventata oggetto di interrogatorio. Le iniziative “Dov’è Gulistan” per protestare contro l’assenza di sforzi seri per trovare Gulistan Doku, scomparsa a Dersim, sono diventate oggetto di interrogatorio.I pubblici ministeri dichiarano illegali i seguenti slogan e incriminano le nostre amiche: Jin jiyan azadi, Non interferire con il nostro libero arbitrio, No all’isolamento, Dov’è Gulistan Doku, Le donne vogliono la pace, il sistema della co-presidenza è la nostra linea viola. Un’altra prova incriminante è lo striscione che dice: i femminicidi sono politici – TJA. Non è più un segreto che intercettare i telefoni privati viene utilizzato per inquadrare le persone. Una delle nostre amiche è stata sfidata per una conversazione telefonica. Un amico l’ha chiamata e le ha detto, come stai? Lei ha risposto “come dovrei stare. Non sto bene, la guerra è ricominciata. “

Siamo di fronte a una mentalità statale per la quale sarebbe vietato alle persone persino di esprimersi in privato d’essere contro la guerra e per la pace. Questi attacchi mostrano che il governo akp-mhp è intenzionato a proseguire come governo misogino, militarista, razzista, sessista e monista che sfrutta la religione. Essere una donna, essere curda, vivere nella geografia curda provoca un triplice aumento dell’oppressione. TJA sta affrontando un attacco perché si oppone in parlamento al progetto di legge per perdonare i matrimoni di minori e perdonare gli stupratori che accettano di sposare la bambina. Se i figli sono considerati idonei a sposarsi da soli, perché il diritto al suffragio universale è concesso a 18 anni?

Mettere le bambine nella condizione di affrontare il parto è in realtà l’atrocità di questo secolo. Come TJA, la nostra risposta alla domanda sul nostro obiettivo nell’organizzazione della manifestazione dell’8 marzo è collettiva. Stiamo organizzando l’8 marzo contro il massacro e il femminicidio delle donne, contro lo stupro e l’abuso sessuale, contro la disuguaglianza di genere, la costrizione a sposarci in età infantile, contro l’abuso di minori, la religione, il razzismo, il sessismo, contro i fiduciari nominati dallo stato che violano il diritto di eleggere e di essere elette delle donne, contro l’isolamento, la guerra, lo sfruttamento del lavoro e il patriarcato. Se questo è un crimine, allora commettiamo tutti questo crimine. Con la presente invitiamo tutti a difendere il TJA.

I nomi delle attiviste di Tja in detenzione sono of TJA : Presidente dell’Associazione delle donne Rosa Adalet Kaya, membri fondatrici Ayla Akat Ata, Narin Gezgör, le dirigenti dell’associazione Fatma Gültekin, Gülcihan Şimşek e Zelal Bilgin, Özlem Gündüz, Remziye Sızıcı, Gönül Aslan, Sevim Coşkun, Nevriye Çur, Nazile Tursun, membro dell’assemblea delle Madri della Pace di Diyarbakir Diyarbakır Havva Kıran.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...