Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Diritti umani

Il Movimento delle donne libere TJA lancia una campagna per i prigionieri politici

Il Movimento delle donne libere (TJA) ha lanciato una campagna a favore dei prigionieri politici con altre organizzazioni internazionali delle donne denominata “La solidarietà ci tiene in vita”.

Una conferenza stampa per spiegare la campagna è stata organizzata dal Partito democratico delle regioni (DBP) nella sede di Amed (Diyarbakır). La portavoce del TJA Ayşe Gökkan è intervenuta in curdo e ha affermato che la pandemia del Coronavirus è “il risultato dell’attacco alla natura e alla società condotto dal sistema della modernità capitalista interessato solo a ottenere i massimi profitti”.

Ayse Gökkan ha aggiunto: “Molti stati vedono il Coronavirus come un’opportunità e lo usano per attaccare le persone più vulnerabili della società, cioè le persone che hanno ignorato finora, specialmente i prigionieri e gli anziani. In particolare, l’opposizione e prigionieri politici sono lasciati morire, esclusi come sono dalle leggi sul rilascio emanate per impedire la diffusione del virus nelle carceri. “

Ayse Gökkan ha proseguito: “Noi “all’esterno” dovremmo difendere le nostre sorelle ribelli ‘dentro’, insieme all’opposizione, ai prigionieri politici e in questo processo proteggere le loro vite. Chiediamo a tutti di unirsi alla campagna per liberare i prigionieri politici”.

Ha elencato gli obiettivi della campagna come segue:

1. Consentire il contatto tra i detenuti, in particolare le donne, i loro parenti e sostenitori e rendere la situazione e il pensiero dei prigionieri visibile al pubblico;

2. Sostenere i detenuti in tutti i paesi e avviare petizioni contro le politiche carcerarie dei governi

3. La richiesta alle Nazioni Unite, al Comitato per la prevenzione della tortura (CPT) e ad organizzazioni simili di esercitare pressioni politiche e diplomatiche su questi paesi, chiedendo il rilascio immediato di tutti i prigionieri politici.

Gli eventi della campagna saranno condivisi su questo sito Web:

www.solidaritykeepsusalive.wordpress.com

Gli organizzatori della campagna sono:

Movimento delle donne libere (TJA)

Movimento delle donne curde – Europa (TJK-E)

Ronak

CENÎ – Ufficio delle donne curde per la pace

Alleanza internazionale delle donne (IWA)

Fronte pachistano delle donne democratiche (WDF)

Ruba odeh Palestina

Femministe di Abya Yala

Fronte nazionale delle donne egiziane

Associazione marocchina delle donne progressiste

Associazione rivoluzionaria delle donne dell’Afghanistan RAWA

Collettiva di sostegno per le donne prigioniere in Aragona (C.A.M.P.A.)

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

MÊRDÎN – Nel caso KCK in corso a Mêrdîn (Mardin) dal 2014, 15 politici curdi, tra cui l’ex deputata Gülser Yıldırım, sono stati condannati...

Diritti umani

Dicle Müftüoğlu, co-presidente della DFG, che ha annunciato di aver iniziato uno sciopero della fame, ha dichiarato: “Come giornalista le cui attività professionali sono...

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...

Diritti umani

I redattori arrestati dalle forze del KDP hanno scritto sulla sorte di Süleyman Ahmet: “Sono passati 44 giorni: dov’è Süleyman Ahmet?” Continuando a chiederselo,...