Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Ain Issa: Lotta contro pandemia e invasione

Le Forze di Difesa Sociali HPC a Ain Issa 24 ore al giorno conducono una lotta su due fronti contro la diffusione del coronavirus e gli attacchi turchi.Per impedire la diffusione della pandemia Covid-19 in Siria del nord e dell’est, dal 23 marzo fino a nuove disposizioni è stato disposto un divieto di uscita. L’Amministrazione Autonoma cerca con tutte le sue possibilità di proteggere la popolazione dalla pandemia. Intanto continuano ininterrottamente gli attacchi turchi contro la regione e continua anche la resistenza.

Una forza importante per la protezione dei quartieri e delle città sono le Forze di Difesa Sociali (HPC). Sono sotto il controllo delle strutture consiliari della democrazia dal basso e sono responsabili soprattutto per la protezione dei loro rispettivi quartieri. Durante la pandemia per loro si aggiungono altri compiti. A Ain solo ospedali, farmacie, l’amministrazione cittadina e alcuni negozi di alimentari sono rimasti aperti. L’intera città viene disinfettata.

Le HPC lavorano 24 ore al giorno insieme alle forze della sicurezza interna nelle strade della città. I componenti delle HPC informano la popolazione sulle misure di prevenzione e proteggono se stessi con mascherine e guanti. Ehed Kenco delle HPC spiega: „Cerchiamo di proteggere la popolazione secondo le nostre responsabilità, siamo in strada ogni giorno per impedire una diffusione del virus. Invitiamo le persone a seguire le regole. Se qualcuno non si attiene alle regole lo consegniamo alle forze di sicurezza. Ci rivolgiamo in particolare agli automobilisti. Queste misure sono per la protezione della popolazione.“

La popolazione sostiene le misure

Ismail al-Hassan delle HPC spiega: „Siamo in pattuglia 24 ore al giorno. Il coronavirus si è diffuso in tutto il mondo. Cerchiamo di impedire che si diffonda qui. La popolazione ci sostiene. Questo ci fa piacere. Alla fine del nostro turno torniamo a casa. Poi restiamo lì e non usciamo. Come misura di prevenzione usiamo anche guanti e mascherine.“

Fonte: ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Kurdistan

Oggi ricorre il 12° anniversario della Rivoluzione del Rojava. Il 19 luglio 2012, i curdi hanno trovato il loro “Giorno della Libertà” quando la...

Kurdistan

Salutando la rivoluzione del Rojava, il partito DEM ha affermato: “Anche gli attacchi contro la rivoluzione del Rojava e l’insensibilità sono crimini. È responsabilità...

Siria

Gli attacchi della Turchia alla Siria settentrionale e orientale sono un “atto di aggressione barbarica e terroristica”, lo hanno affermato le SDF in una...

Siria

Lo Stato turco ha attaccato il villaggio di Elebid a Til Temir con obici intorno alle 18:00 di lunedì. Meryem Xidir Iwês, 10 anni,...