Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

Comunicato UIKI sull’incendio sull’isola Imrali in Turchia

Abbiamo appreso oggi dalla stampa che un incendio boschivo è scoppiato sull’isola di İmralı, dove oltre al Presidente Abdullah Öcalan, sono reclusi in isolamento stati arrestati Ömer Hayri Konar, Veysi Aktaş e Hamili Yıldırım.

Pare che i vigili del fuoco e della municipalità e della guardia forestale Mudanya di Bursa abbiano tentato di raggiungere l’isola di İmralı via mare e che le condizioni del mare in tempesta rendano difficile la navigazione. Pare inoltre che sull’isola dove si trovano molti pini e uliti, un forte vento stia fomentando l’incendio boschivo.

Ci uniamo alla richiesta degli avvocati e delle famiglie dei prigionieri di avere immediato accesso all’isola, visto che dal 7 agosto 2019 non ci sono più segni di vita da parte dei prigionieri e, nelle condizioni dall’isolamento totale nel carcere di massima sicurezza di İmralı, notizie di questa natura suscitano una fortissima preoccupazione e richiedono un riscontro concreto e immediato sull’incolumità e le condizioni di salute dei prigionieri.

Fino a quando non ci saranno rassicurazioni e riscontri da parte di avvocati e famigliari, nessuna risposta sulla situazione in atto potrà essere considerata sufficiente.

Le condizioni di isolamento sull’isola carcere non sono in nessun caso accettabili e, in particolare a seguito dell’ulteriore inasprimento seguito al tentativo di colpo di Stato del luglio 2016, vanno rimosse in quanto lesive dei diritti umani e della legalità internazionale.

In questo contesto ci appelliamo alla società democratica nazionale e internazionale, a tutte le organizzazioni democratiche, alla stampa e all’opinione pubblica affinché venga prestata la massima attenzione alla situazione in atto e siano esercitate immediatamente pressioni sul governo turco perché il governo turco, in particolare il Ministero della Giustizia, rendano immediatamente possibile un contatto del Presidente Öcalan e gli altri prigionieri con i loro legali e famigliari e provvedano la loro immediato trasferimento in un luogo sicuro.

UIKI Onlus
Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Libertà per Öcalan

La campagna “Libertà per Öcalan: Una soluzione politica alla questione curda” chiede al Comitato europeo per la prevenzione della tortura o dei trattamenti degradanti...

Comunicati

In occasione del primo maggio, giorno dell’unità e della solidarietà, desideriamo congratularci con tutti i popoli, in particolare con tutte le donne, con tutte...

Comunicati

La scorsa notte, intorno all’1:30, la polizia belga ha fatto irruzione nella sede di Sterk TV e MedyaHaber, due importanti canali televisivi curdi che...

Comunicati

Nelle elezioni locali del 31 marzo, il nostro partito ha ottenuto un grande successo candidandosi alle elezioni in condizioni estremamente difficili. Dopo le elezioni...