Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

KCDK-E condanna il massacro razzista a Hanau

La co-Presidenza della federazione curda europea KCDK-E ha rilasciato una dichiarazione sul massacro razzista a Hanau e invitato gli Stati europei a prendere misure efficaci contro l’estremismo di destra.Dopo l’attentato terroristico di destra a Hanau, nel quale mercoledì hanno nove persone, tra cui cinque curdi, sono stati uccise da un neonazista per motivi apertamente razzisti prima che quest’ultimo uccidesse sua madre e se stesso, la federazione curda europea KCDK-E ha inviato la comunità degli Stati europei a prendere misure efficaci contro l’estremismo di destra. In una presa di posizione dell’organizzazione si afferma: „La maggioranza delle persone uccise nel massacro erano persone che per via della repressione da parte dello Stato turco, degli attacchi e della pressione economica, sono state costrette a migrare. Tentativi di attacchi e attentati incendiari del genere da parte di appartenenti a partiti razzisti si sono verificati in molte località. Solo pochi giorni fa è stata scoperta una rete di neonazisti che pianificava massacri nelle moschee.

La politica facendo propri discorsi razzisti, prepara il terreno a crimini del genere

I partiti razzisti fomentano consapevolmente l’ostilità nei confronti delle e die migranti. Soprattutto in Germania, ma anche in altro Paesi europei estremisti di destra vengono minimizzati e contro assassinii come questo non vengono prese le misure necessarie. La politica degli Stati, tollerando e facendo propri discorsi razzisti crea un clima che rende possibili crimini di questo genere.

Lo stato turco con un interessamento ipocrita fa un gioco disgustoso

Lo Stato turco ora fa il suo disgustoso gioco con le persone assassinate. Lui stesso con la sua repressione fascista ha trasformato la Turchia e il Kurdistan in un inferno. Ora cerca di usare le persone assassinate a Hanau per distrarre dal proprio razzismo. Noi condanniamo questa strumentalizzazione e invitiamo lo Stato turco a togliere le sue mani insanguinate dal nostro popolo.

Nessuno spazio a coloro che seminano odio tra le persone

Come KCDK-E in molte dichiarazioni abbiamo esortato e messo in guardia il governo federale perché prendesse misure contro il razzismo. Come curde e curdi che viviamo quotidianamente la guerra e il fascismo, abbiamo sempre affrontato questo tema con sensibilità e esplicitato la nostra protesta. Ripetiamo qui ancora una volta il nostro ammonimento e diciamo che alla politica fascista che semina odio tra i popoli, non va lasciato nessuno spazio. Invitiamo tutti gli Stati europei e in particolare la Germania, a procedere in modo efficace contro il razzismo.

Partecipate alle manifestazioni

Come KCDK-E malediciamo colui che ha commesso il massacro e anche coloro che lo hanno reso possibile. Invitiamo tutte le rivoluzionarie e i rivoluzionari, le democratiche e i democratici, intellettuali e in particolare persone provenienti dal Kurdistan a partecipare in tutta Europa alle manifestazioni di sabato prossimo (22 febbraio) e a dare un segnale di fratellanza.“

Fonte: ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...

Comunicati

Questa mattina il regime iraniano ha giustiziato i prigionieri politici curdi Mohsen Mazloum, Mohammad Faramarzi, Vafa Azarbar e Pejman Fatehi. Con l’ultima ondata di...

Comunicati

Lo Stato turco attacca il Rojava [Kurdistan occidentale/Siria settentrionale] dal 13 gennaio 2024 nell’ambito dei suoi piani genocidi e continua questi attacchi da 4...

Comunicati

Tra il 2013 e il 2015, 10 milioni e 300 mila persone nel mondo hanno sottoscritto un appello internazionale che chiedeva la libertà per Abdullah...