Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Iraq

Pena di morte contro attivisti curdi a Hewlêr

Nella regione autonoma curda in Iraq del nord secondo quanto riferito dai media all’inizio della settimana due uomini sono stati condannati a morte per l’uccisione di un funzionario turco del MIT.Il vice-console turco Osman Köse e altre due persone il 17 luglio dello scorso anno sono stati uccisi in un ristorante di lusso a Hewlêr (Erbil). Il comandante Bahoz Erdal successivamente aveva dichiarato sul canale satellitare curdo Sterk TV che il diplomatico in realtà era il responsabile dei servizi segreti turchi MIT per l’Iraq del nord. Quest’ultimo sarebbe stato responsabile della morte di Diyar Xerib, membro del Consiglio di Presidenza della KCK (Unione delle Comunità del Kurdistan) con un attacco aereo mirato. Ora Xerib sarebbe stato vendicato da „un gruppo di giovani che si sono votati anima e corpo al nostro movimento“. Il PKK però non avrebbe nulla a che fare con l‘attentato.

Forze di sicurezza del Partito Democratico del Kurdistan (KDP) al governo a Hewlêr pochi giorni dopo l’uccisione di Köse avevano presentato il 27enne curdo di Amed (Diyarbakir) Mazlum Dağ, il fratello della deputata HDP di Dersim, come presunto responsabile principale dell’attentato. Secondo informazioni di ANF, Dağ e altri arrestati sono stati pesantemente torturati, ma avrebbero rifiutato di firmare confessioni preconfezionate.

Dağ e un altro imputato, Muhammed Beşiksiz, ora sono stati condannati a morte dalla seconda corte penale di Erbil. Altri quattro imputati hanno ricevuto condanne a pene detentive fino a due anni.

Come reazione all’uccisione di Köse i peshmerga dal luglio dello scorso anno hanno sigillato il campo profughi di Mexmûr all’intero del quale vivono circa 12.000 curdi provenienti dalla Turchia. L’embargo contro il campo autogestito è tutt’ora in corso.

Secondo la legislazione della regione autonoma, la pena di morte deve essere prima confermate dalle istanze di grado superiore. Alla fine deve essere approvata dal Presidente Neçirvan Barzani.

di Nick Brauns

Fonte: ANF

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

Sottolineando che almeno 30 donne sono state uccise nella regione federata del Kurdistan in 6 mesi, l’esponente del RJAK Ronak Majid ha affermato: “Le...

Iraq

ll dottor Kamuran Berwarî ha affermato che la Turchia sta prendendo di mira l’invasione con attacchi nella regione federata del Kurdistan e ha affermato:...

Comunicati

L’esercito turco ha avviato una nuova operazione militare nella regione del Kurdistan iracheno (Kurdistan meridionale), che segnala nuovi attacchi e tentativi di invasione. L’aumento...

Iraq

“Se la Turchia raggiungesse il suo obiettivo in questa operazione militare, una parte essenziale del territorio del Kurdistan sarebbe nelle mani delle forze armate...