Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

La famiglia di Lorenzo Orsetti (Orso Tekoser Piling) sostiene il Progetto “Protesi 3D” 

Informiamo che nel corso dell’incontro nazionale di Rete Kurdistan Italia, tenutosi il 25 e 26 gennaio a Firenze, la famiglia di Lorenzo Orsetti ha consegnato ai referenti di Staffetta sanitaria 500€ destinati al Progetto Protesi 3D.Siamo quindi grati ed onorati per l’attenzione ed il sostegno che ci viene dedicato e confermiamo l’impegno a proseguire questa attività a supporto del laboratorio ortopedico di Qamishlo (Siria del Nord-Est) e quindi di tutte le persone colpite da armi convenzionali e non, e che hanno bisogno di protesi.

Con l’occasione informiamo che, dopo una fase di sperimentazione abbastanza complessa, sono stati realizzati:

  • 3 modelli di protesi stampabili in 3D per gli arti superiori,
  • Modelli per altri oggetti quali tutori e oggetti funzionali (es. portapenne-posate-spazzolino).

E’ ancora in corso la sperimentazione della produzione di componenti relative alle protesi per gli arti inferiori.  Collaborano con Staffetta sanitaria: Ingegneria senza Frontiere (sezione Roma), CentoCelleAperte (dove ha sede il laboratorio), altri attivisti, ingegneri/e, sanitari specializzati nel settore.

E’ il caso di precisare che con questo progetto si intende consentire al laboratorio ortopedico di Qamishlo di integrare l’attuale produzione di protesi, a costo elevato e fisse, con quelle prodotte in 3D che almeno per e dei tre modelli per gli arti superiori, consentono un movimento meccanico di apertura-chiusura delle mani. Il Progetto prevede quindi il trasferimento di competenze agli operatori locali, agli studenti dell’Accademia medica e a quanti saranno interessati ad apprendere questa nuova modalità di produzione. Una stampante 3D è già stata acquistata e trasferita a Qamishlo ed è stata verificata la disponibilità di “materia prima” a livello locale.

A seguito della recente invasione della Siria del Nord Est da parte della Turchia, anche le strutture sanitarie di Qamishlo, compreso il laboratorio ortopedico, sono state oggetto di attacco e solo recentemente hanno ripreso a funzionare, con tutte le limitazioni legate all’embargo da parte degli stati confinanti.  Il progetto assume anche una valenza nuova che valorizza la resistenza della popolazione e degli operatori sanitari all’aggressione e la condivisione della speranza di un futuro di pace per le popolazioni locali.

Staffetta sanitaria di Rete Kurdistan Italia

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Comunicati

Nelle elezioni locali del 31 marzo, il nostro partito ha ottenuto un grande successo candidandosi alle elezioni in condizioni estremamente difficili. Dopo le elezioni...

Comunicati

Le elezioni locali del 31 marzo hanno portato alla vittoria delle masse democratiche in Kurdistan e in Turchia a favore dell’uguaglianza sociale e del...

Comunicati

Il 12 marzo ricorre l’anniversario di due massacri commessi contro il popolo curdo; uno perpetrato dallo Stato turco nel quartiere Gazi di Istanbul (1995)...

Comunicati

Il 15 Febbraio 2024 segna il venticinquesimo anniversario del rapimento di Abdullah Öcalan, catturato a Nairobi, in Kenya, a compimento di un complotto internazionale...