Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

Amed: Nominato un uomo come direttore del centro delle donne

L’amministratore di nomina governativa del distretto della città vecchia Sur a Amed ha nominato un uomo come direttore del centro di ascolto per le donne Amida Jin. Tutte le collaboratrici si sono quindi licenziate. Nonostante questo il loro ottimismo non è scalfito.

Da quando i co-sindaci di Sur a Amed (Diyarbakir) sono stato arrestati e sostituiti da un amministratore di nomina governativa, il centro delle donne Amida Jin viene diretto da un uomo. È stata rimossa la targa con il nome, la sede nella storica città vecchia della metropoli curda trasformata in un caffé.

Il centro prima si chiamava semplicemente „Amida“. Quando nel 2016 nei comuni curdi governati dal DBP (Partito Democratico delle Regioni) furono nominati amministratori forzati, il centro fu chiuso. Con la vittoria elettorale dell’HDP (Partito Democratico dei Popoli) il 31 marzo 2019 il centro donne nel novembre scorso è stato riaperto come „Amida Jin“. Solo un mese dopo, il 21 dicembre 2019, Abdullah Çiftçi è stato nominato dal Ministero degli Interni turco per l’amministrazione forzata. Già il giorno successivo la responsabile del centro delle donne è stata licenziata e al suo posto nominato un direttore maschio.

Le collaboratrici hanno reagito in modo indignato e hanno dichiarato di non lavorare con un uomo come capo. Per protesta contro l’arresto dei co-sindaci eletti tutte le sette collaboratrici si sono licenziate. Birsen Güneş fino a quel momento era a capo della commissione donne nell’amministrazione distrettuale di Sur. Come ha spiegato all’agenzia stampa MA, già nel 2016 l’obiettivo di Amida era di rafforzare le donne e le loro reti. Anche quando il centro è stato chiuso, il lavoro è continuato. La riapertura come „Amida Jin“ ha avuto luogo il 25 novembre, nella Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza sulle Donne. Sotto l’amministratore di nomina governativa, lo storico edificio ora è un caffè per uomini.

„Il cartello del centro per le donne Amida Jin è stato rimosso. A quale scopo ora ufficialmente venga usato il centro non lo sappiamo. In ogni caso le donne non ci vanno più. L’intera politica dell’amministrazione forzata è caratterizzata da un modo di pensare ostile alle donne. Gli spazi di vita delle donne vengono continuamente limitati. Si vogliono trasformare le donne in macchine per la riproduzione che non fanno altro che lavare i piatti e preparare da mangiare a casa e partorire figli. L’obiettivo dell’amministrazione forzata è di annientare il lavoro delle donne e le donne stesse. Si vogliono rinchiudere le donne nelle case”, dichiara Birsen Güneş, che nonostante questo continua a essere ottimista: „Le amministrazioni forzate non durano, ma centri come Amida e la volontà delle donne e della popolazione hanno continuità. Amida è stato aperto e chiuso. Amida Jin è stato aperto e chiuso. Il nostro prossimo centro si chiamerà „Amida Jiyan“ heißen. Il nome e il luogo sono irrilevanti. Noi costruiamo sulla solidarietà e continueremo il nostro lavoro.“

Fonte: ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...