Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Kurdistan

Gli attacchi della Turchia contro il Rojava sono dei crimini di guerra e devono essere giudicati dalla CPI

Rojava – un membro del Consiglio d’amministrazione dell’organizzazione araba per i diritti umani, Hafez Abu Seada, ha confermato che le violazioni registrate durante gli attacchi turchi contro il nord e l’est della Siria sono stati da loro qualificati come crimini di guerra, e ha domandato all’ONU di formare un comitato d’inchiesta su tali crimini per portare il caso davanti alla Corte penale internazionale (CPI).

Delle organizzazioni e degli organismi locali e internazionali hanno sorvegliato le violazioni commesse dalla Turchia durante gli attacchi contro il nord della Siria e hanno documentato numerose violazioni e crimini commessi.

L’agenzia ANHA ha intervistato Hafez Abu Seada, membro del consiglio di amministrazione dell’organizzazione araba per i diritti umani sul caso degli attacchi della Turchia contro il Rojava.

“L’operazione turca nel nord della Siria costituisce una grave violazione del diritto internazionale, dato che è un crimine commettere un’aggressione contro uno stato sovrano. Per ciò che riguarda le violazioni da parte della Turchia, è stato constatato che sono stati commessi dei crimini di guerra dalle forze turche e i miliziani che le accompagnano, evidentemente l’uccisione di civili, l’assedio di comunità autoctone e l’esecuzione nel posto di persone per diffondere il terrore e lo spostamento forzato di popolazione per provocare cambiamenti demografici alla frontiera, un atto vietato dal diritto internazionale”, ha dichiarato.

Per ciò che riguarda le misure da attuare, Hafez Abu Seada ha spiegato: “la comunità internazionale deve innanzitutto fermare lo stato turco al fine di impedire nuovi massacri contro il popolo siriano e i kurdi. L’ONU dovrebbe allo stesso tempo formare una commissione incaricata di fare luce sui crimini commessi per portare il caso davanti alla Corte Penale Internazionale.”

Fonte: ANHA Hawar News Agency

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...