Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Comunicati

CES chiede all’UE di mettere fine all’accordo sui profughi

La Confederazione Europea dei Sindacati (CES) chiede all’UE di intraprendere le azioni più forti possibili per prevenire un’invasione turca della Siria e di mettere immediatamente fine al suo accordo sui migranti con la Turchia.

La CES presenterà le sue preoccupazioni all’alto rappresentante UE per gli affari esteri rispetto al fatto che un’invasione metterebbe a rischio la vittoria su ISIS e innescherebbe una grave crisi umanitaria.

Il segretario generale della CES Luca Visentini ha detto:

“Chiediamo ai leader europei di fare tutto ciò che è in loro potere per fermare un’invasione turca della Siria del nord, che ci preoccupa profondamente perché poterebbe a una maggiore sofferenza della comunità curda e di altre minoranze e destabilizzerebbe ulteriormente la regione.

“Questo attacco completamente insensato riporterebbe la Sira alla casella iniziale in un periodo in cui i leader mondiali dovrebbero riunirsi per costruire una transizione politica verso la pace e la democrazia che consenta a milioni di siriani espulsi di ritornare volontariamente senza timore di ulteriori violenze.

“Il piano del governo turco di costringere rifugiati siriani in una zona farsescamente denominata ‘zona sicura’ prova che è completamente irresponsabile per l’UE deportare persone in Turchia in qualsiasi circostanza. Questa deve essere l’ultima goccia del disgraziato accordo UE-Turchia sulla migrazione.

“Se l’invasione va avanti, sarà necessario un piano di emergenza internazionale per aiutare quei profughi che si trovano nei campi turchi e che inevitabilmente saranno espulsi dall’azione militare.”

Link al comunicato stampa:

https://www.etuc.org/en/pressrelease/etuc-condemns-turkish-invasion-threat-and-calls-eu-end-migration-deal

Fonte: ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....