Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it
ANF Images

Kurdistan

Dozzine di attivist* rendono noto il loro ingresso nella guerriglia

47 attivist* di diverse località del Kurdistan e della Turchia in una conferenza stampa hanno reso noto il loro ingresso nelle Forze di Difesa del Popolo.In una conferenza stampa a Behdînan nel Kurdistan del sud, 47 attivist* hanno dichiarato pubblicamente il loro ingresso nel PKK e annunciato resistenza contro il fascismo AKP/MHP. La conferenza stampa delle e degli attivist* not* con il proprio nome si pone anche come reazione alla campagna lanciata dai servizi segreti turchi MIT e dal Ministero degli Interni contro il Partito Democratico dei Popoli (HDP). Il Ministero degli Interni ha spinto famiglie di presunt* o ver* guerriglier* a manifestare davanti alla sede HDP a Amed per il „ritorno“ delle e dei loro figli* „sedott*“ .

Le e gli attivist* hanno messo in evidenza che con la loro adesione prendono posizione contro il fascismo neo-ottomano: „Noi siamo furiosi contro coloro che con il pretesto di abbattere la resistenza di Şêx Saîd, Seyid Rıza, Dersim, Zilan, Koçgiri e Agirî hanno commesso grandi massacri, contro coloro che isolano Abdullah Öcalan, considerato loro rappresentante da milioni di curd*, nel centro di tortura di Imrali, contro coloro che in ogni festa del Newroz trascinano per terra senza motivo bambini, giovani, donne, anziani.“

Le famiglie vengono usate

Le e gli attivist* criticano inoltre duramente la nomina di amministratori coatti e definiscono il sistema elettorale in Turchia una „menzogna“. „Voi usate le famiglie per riportare indietro le e gli onorevoli giovani che non accettano i vostri crimini. Contemporaneamente usate artiglieria, carri armati, aerei e ogni forma di tecnologia militare e bombardate villaggi, montagne e pascoli per assassinare queste persone. Noi siamo infuriat* per le vostre bugie, le vostre manipolazioni e la vostra mancanza di vergogna“, hanno sottolineato.

Noi abbiamo scelto la via della resistenza

Sulla campagna dello Stato attraverso famiglie di combattenti, le e gli attivist* dichiarano: „Nell’ultimo periodo osserviamo che vengono usate famiglie di giovani che hanno aderito alla guerriglia. Lo Stato con l’inganno, il ricatto e la repressione ha messo queste famiglie sotto pressione. Purtroppo alcune famiglie sono entrate in questo gioco e si sono rese strumenti mettendosi davanti alla sede HDP chiedendo ‚riportate i nostri figli‘. Noi con questo dichiariamo soprattutto alle nostre famiglie, ma anche a tutte le altre famiglie: noi per i motivi citati prima abbiamo deciso di andare in montagna e prendere la via della resistenza e della lotta contro questo sistema bugiardo e assassino.“

Fonte: ANF

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...