Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Rassegna Stampa

La Corte Costituzionale turca: firmare una petizione per la pace non è “terrorismo”

Firmare una petizione in favore della pace è un atto del tutto legittimo che rientra nella libertà d’espressione. Sembrerebbe ovvio, ma la Corte Costituzionale turca in questi giorni ha dovuto ribadirlo.di Riccardo Noury

La vicenda è quella della petizione lanciata l’11 gennaio 2016 e sottoscritta da 2.212 accademici in favore di negoziati di pace tra il governo e il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk).

Da allora oltre 700 firmatari sono stati incriminati per “propaganda in favore di un’organizzazione terrorista” e molti di loro hanno ricevuto in primo grado condanne fino a tre anni di carcere.

Centinaia di altri firmatari sono stati licenziati, o costretti a dare le dimissioni, dalle università pubbliche e private e 406 sono stati interdetti per sempre dal pubblico impiego.

Ci si aspetta che la sentenza emessa il 26 luglio dalla Corte Costituzionale ponga fine alla farsesca persecuzione, giudiziaria e amministrativa, nei confronti dei firmatari della petizione e porti all’annullamento di tutti i provvedimenti emessi nei loro confronti, comprese le condanne al carcere.

Nella foto la professoressa Zübeyde Füsun Üstel, una delle promotrici del ricorso alla Corte Costituzionale. Il 22 luglio la sua condanna a un anno e mezzo di carcere è stata sospesa in attesa dell’esame dell’appello.

Fonte: Pressenza

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...