Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Prigionieri in digiuno fino alla morte: è sulla lama del rasoio!

Aslı Doğan è una delle prigioniere in digiuno fino alla morte. „È sulla lama del rasoio. In questi giorni viene deciso il nostro destino. Per questo ognuna e ognuno si deve organizzare e fare tutto ciò che gli è possibile“, spiega. Aslı Doğan, rinchiusa da 13 anni nel carcere femminile di Gebze, è una delle e dei 30 prigionier* che sono in digiuno fino alla morte per la revoca dell’isolamento del precursore curdo Abdullah Öcalan. Contrariamente alle migliaia di prigionier* in sciopero della fame rifiutano anche l’assunzione di vitamine e sostanze nutritive e prendono solo acqua. Molt* dei e delle prigionier* in digiuno fino alla morte, quando il 30 aprile hanno alzato il livello della loro protesta erano già in sciopero della fame da cento giorni. Quindi sono in acuto pericolo di vita. Aslı Doğan è determinata e dichiara: „Dobbiamo credere di rompere l’isolamento, confidare in noi stessi e fare tutto ciò che è possibile. Se ci completiamo a vicenda, allora sono convinta che avremo successo.“

Aslı Doğan ha 39 anni e viene dalla città di Dep (Karakoçan) nel Kurdistan del nord. Si è unita al movimento di liberazione curdo nel 2002 e nell’anno 2006, quando si inasprì l’isolamento di Öcalan, si era recata per un’azione in Turchia. Doğan fu incarcerata nel 2007 ed è in sciopero della fame a tempo indeterminato da 70 giorni. Il 30 aprile ha trasformato il suo sciopero della fame in un digiuno fino alla morte.

In proposito spiega: „In questo annientamento si tratta di far dimenticare il precursore curdo, di lasciare la popolazione senza identità, senza guida, senza storia, senza coscienza ed economia. Il sistema di tortura di Imralı è il centro di questo genocidio. Tutte le forme di guerra psicologica vengono adottate prima lì e poi contro i popoli. Questo è un massacro. Senza abbattere l’isolamento di Imralı l’attacco al popolo curdo si rafforzerà.“

Non basta dire la cosa giusta

Sottolinea che non basta essere solo preoccupati per lo sciopero della fame, dire le cose giuste e criticare: „Al contrario, tutto questo significa rafforzare il sistema di isolamento e con questo il genocidio. Non dobbiamo essere né vittime né complici del genocidio. È sulla lama del rasoio. In questi giorni viene deciso il nostro destino. Per questo ognuna e ognuno si deve organizzare e fare tutto ciò che gli è possibile. Come popolazione e prigionier* dobbiamo essere complementari. Noi abbiamo una storia piena di resistenza. Abbiamo l’esperienza di una lotta lunga quarant’anni. Dobbiamo credere di rompere l’isolamento, confidare in noi stessi e fare tutto ciò che è possibile. Se ci completiamo a vicenda, allora sono convinta che avremo successo.“

Altr* 15 prigionier* inizieranno da oggi una resistenza in digiuno fino alla morte.

Si uniscono alle e ai 15 prigionier* che hanno iniziato il digiuno fino alla morte il 30 aprile chiedendo la fine dell’isolamento del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan.

Prgionier* di PKK e PAJK hanno reso noto pochi giorni fa i loro nomi.

La dichiarazione affermava: “Noi come prigionier* di PKK e PAJK diciamo che accresceremo la nostra resistenza con un secondo gruppo di prigionier* che entreranno in digiuno fino alla morte il 10 maggio.”

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...