Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

HDP lettera dei parlamentari in sciopero della fame in Turchia

All’Opinione Pubblica Internazionale:Scriviamo questa lettera per attirare con urgenza la vostra attenzione sugli scioperi della fame in corso dentro e fuori dalle carceri turche e in altri Paesi per protestare contro l’isolamento totale di Abdullah Öcalan sull’isola carcere di Imrali. La politica di isolamento è legalmente, politicamente e moralmente insostenibile e deve essere rimossa senza alcun indugio. Noi ci aspettiamo dalle autorità internazionali competenti, e a loro chiediamo, di adempiere alle loro responsabilità e di agire immediatamente per mettere fine a questa pura illegalità.

Lo sciopero della fame per protestare contro la politica di isolamento è stato avviato l’8 novembre 2018 dalla deputata HDP Leyla Güven che all’epoca si trovava in carcere. Nel processo, oltre 3000 persone, la stragrande maggioranza delle quali sono prigioniere e prigionieri politici, si sono unite allo sciopero della fame. Come deputati per Van e Diyarbakir, ci siamo uniti allo sciopero della fame in tre all’inizio del mese di marzo 2019. E sfortunatamente fino ad ora otto prigioniere e prigionieri politici si sono tolti la vita per protestare contro l’isolamento. Dal 18 aprile lo sciopero della fame di Leyla Güven è al 162° giorno. La sua salute è in una condizione molto critica e si sta deteriorando rapidamente. Dal punto di vista della salute, molte prigioniere e molti prigionieri che si sono uniti allo sciopero della fame nel dicembre 2018 e coloro che sono in sciopero della fame all’estero, in Paesi come Francia, Germania, Regno Unito, Iraq e Canada hanno tutti oltre passato la soglia critica. Il governo turco finora è rimasto indifferente alle richieste degli scioperanti.

Öcalan è stato il caponegoziatore del movimento curdo nel processo di pace tra il 2013 e il 2015. Quando il governo turco ha messo fine al processo di pace nell’aprile 2015, ha simultaneamente isolato Öcalan dalla società. Per isolamento intendiamo che le autorità turche non permettono a Öcalan di ricevere visite dei suoi avvocati, di componenti della sua famiglia o di chiunque altro. Non può neanche fare telefonate o inviare o ricevere lettere.

Il Comitato Europeo per la Prevenzione della Tortura (CPT) e l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE) hanno enfatizzato che una simile politica di isolamento nei confronti di Öcalan e di altri prigionieri sull’isola di Imrali, è in violazione degli articoli 3 e 10 della Convenzione Europea sui Diritti Umani e hanno ripetutamente chiesto alle autorità turche di garantire che tutti i prigionieri a Imrali possano ricevere viste dai loro famigliari e avvocati. Analogamente, questo isolamento è in palese violazione della Regole Mandela che sono state adottate dall’Assemblea dell’ONU nel 2015, per garantire ai prigionieri di avere tra i loro diritti visite da avvocati e componenti delle loro famiglie. Lo sciopero della fame in corso è solo per sollecitare il governo turco a implementare queste raccomandazioni del CPT, della PACE e le Regole Mandela e a rispettare le proprie leggi. Tutto qui.

L’isola di İmralı nella sua struttura e nel suo funzionamento è molto simile a Robben Island, dove Nelson Mandela è stato recluso per 27 anni. Öcalan è in carcere da 20 anni. L’isolamento di Öcalan e di altri prigionieri dai loro avvocati e dalle loro famiglie è illegale, non etico e politicamente sbagliato. Sollecitiamo le autorità turche a mettere fine a questo isolamento ed a lasciare che avvocati e componenti della famiglia possano fare visite in carcere.

Il relativo silenzio della comunità internazionale sulla questione, finora ha incoraggiato il governo turco a mantenere la sua politica di isolamento. Con questo, e ancora una volta, chiediamo alle autorità del Consiglio d’Europa (CPT, Segretario Generale, PACE, Commissario per i Diritti Umani e Comitato dei Ministri), all’Unione Europea e al Parlamento Europeo, al Commissario ONU per i Diritti Umani, e a tutti i governi e a tutte le istituzioni interessate ai diritti umani dei prigionieri, di agire immediatamente e di sollecitare il governo turco a mettere fine alla politica di isolamento nei confronti di Öcalan e degli altri prigionieri. La nostra speranza è che mettere fine a questa politica di isolamento totale possa non solo far finire gli scioperi della fame e ripristinare determinati diritti dei prigionieri, ma anche aiutare a riprendere la questione curda in modi pacifici, riiniziare il dialogo democratico tra le parti in conflitto e auspicabilmente riavviare il processo fermato.

Leyla Güven, deputata HDP per Hakkari

Dersim Dağ, deputata HDP per Diyarbakir

Tayip Temel, deputato HDP per Van

Murat Sarısaç, deputato HDP per Van

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i diritti umani ha affermato che nei primi sei mesi del 2024 si sono verificate 3.900 violazioni dei diritti nel Kurdistan settentrionale....

Turchia

Ad Amed (Diyarbakir) i sostenitori di Hüda Par stanno diventando sempre più violenti. Il partito islamista, che l’anno scorso è entrato nel parlamento turco...

Diritti umani

ŞIRNEX – Molti edifici storici saranno allagati se verrà completata la costruzione della “diga Cizre” sul fiume Tigri. Il progetto della “Diga di Cizre”...

Libertà per Öcalan

In una conferenza stampa tenutasi presso la sede del partito ad Ankara, la portavoce Ayşegül Doğan ha sottolineato le violazioni dei diritti umani nella...