Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 19 marzo 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

Almeno 3.500 cadaveri: individuata la fossa comune più grande dello Stato Islamico

Almeno 3.500 cadaveri: individuata la fossa comune più grande dello Stato Islamico

25 febbraio 2019


Su terreno agricolo nei pressi della città di Raqqa è stata trovata una fossa comune con almeno 3.500 vittime della milizia terroristica „Stato Islamico ”. Si tratta della fossa comune più grande scoperta fino ora in Siria.

La fossa comune lasciata dalla milizia terroristica „Stato Islamico” in un terreno agricolo nei pressi di Raqqa nel nord della Siria è la più grande scoperta dall’inizio dei lavori di ricostruzione nell’ex capitale del cosiddetto califfato.

Nella scoperta avvenuta a gennaio, i collaboratori del comitato per la ricostruzione ritenevano che contenesse i resti mortali di circa 800 vittime degli jihadisti. Come è emerso ora, in una fossa comune nel villaggio agricolo di al-Fukheikha sarebbero stati sepolti almeno 3.500 cadaveri. La scoperta è il più grande esempio della violenza inflitta alla popolazione durante il dominio del terrore finora individuato. Da quando sono iniziati i lavori di recupero, sono state dissotterrate le spoglie oltre 120 persone.

Potrebbe trattarsi di oltre 4.000 cadaveri

„Queste sono tombe singole, ma dietro di noi, dove ci sono gli alberi, ci sono le fosse comuni di coloro che sono stati giustiziati da Daesh (IS). Si ritiene che lì si trovino dal 2.500 ai 3.000 cadaveri, oltre ai tra 900 e 1.100 cadaveri nelle tombe singole, quindi almeno 3.500 in totale”, ha detto Asaad Mohammad, un assistenza di medicina forense sul posto.

Tre mesi dopo la liberazione di Raqqa nell’ottobre 2017 da parte delle Forze Democratiche Siriane (FDS), il Consiglio Civile della città ha avviato lavori per il recupero dei cadaveri nelle fosse comuni di IS. Finora il Comitato per la Ricostruzione ha recuperato i resti di oltre 3.800 vittime di IS. 560 di questi cadaveri sono stati identificati e consegnati alle famiglie per la sepoltura. I morti non identificati sono stati sepolti dalle autorità religiose.

Prigionieri di IS stranieri spariti ad al-Fukheikha?

La fossa comune ad al-Fukheikha potrebbe contribuire a scoprire il destino di migliaia di persone di cui non si hanno notizie da anni, compresi stranieri fatti prigionieri da IS. Collaboratori del Comitato di Ricostruzione hanno riferito che gli abitanti hanno raccontato di aver visto persone con tute arancioni, l’indumento che molte vittime di IS hanno dovuto indossare per la loro esecuzione. Il giornalista USA James Foley ne indossava una quando venne decapitato dal suo carnefice. Così anche il pilota giordano Maas al-Kassasbeh, che gli islamisti hanno bruciato vivo all’interno di una gabbia.

Analisti USA ritengono che le riprese della morte di James Foley indicano che è stato ucciso nei pressi di Raqqa. Anche Kayla Mueller, un’attivista statunitense per i diritti umani che nel febbraio 2015 ha anche lei perso la vita mentre era prigioniera della milizia jidadista, sarebbe morta nei pressi di Raqqa. Il suo cadavere non è mai stato trovato.

 

anf


Inserisci un commento