Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Ceren Coban condannata al carcere per un’intevista su Afrin

La Co-presidente della SGDF (Federazione delle associazioni giovanili socialiste) Ceren Coban è stata condannata a 20 mesi di carcere nel caso in cui è sotto processo per un’intervista rilasciata in merito all’invasione di Afrin.

Si è tenuta l’udienza finale nel caso contro la Co-presidente della Federazione delle Associazioni giovanili socialiste Ceren Coban per una intervista che aveva rilasciato sugli attacchi ad Afrin.

Nella sua difesa Ceren Coban ha affermato: ” Sono una donna che è sopravvissuta ai massacri di ISIS ad Ankara e a Suruc. Nell’intervista che avevo rilasciato ho detto che come donna non potevo rimanere in silenzio davanti ai crimini sessuali contro le donne durante le guerre. Nel momento in cui ci sono molte molestie, stupri e guerra nel nostro paese, io credo che chiedere la pace sia un dovere umanitario. Chiedo il mio proscioglimento.”
Il tribunale ha emesso una condanna a 20 mesi di reclusione a Ceren e ha rinviato l’esecuzione della condanna.
ANF
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...