Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Un membro dell’ISIS espone la relazione tra ISIS e Turchia

Una figura chiave dell’ISIS, il cittadino Semir Bogana (noto come Abu al Muhajir) che è stato catturato dall’unità anti-terrorismo YAT dello YPG mentre cercava di fuggire in Turchia ha parlato della relazione sporca tra lo stato turco e ISIS.

Chi è  Abu Abdullah Al-Almani

Abu Abdullah Al-Almani è un cittadino tedesco, anch’esso originario del Marocco. È nato in Germania. Al-Almani ha legami sia con il turco MİT che con ISIS. Raccoglie e manda aiuti alle bande sotto forma di aiuti umanitari in Germania e in tutta Europa, e lo fa attraverso la Turchia.

Il capo della banda Bogana ha detto che è andato a Istanbul dall’aeroporto di Düsseldorf e poi ha continuato per Antakya. Bogana ha soggiornato nei campi del MİT ad Antakya, dove stanno i membri delle bande straniere. Secondo il suo account, i membri della banda arrivano a Antakya dall’estero e restano in campi speciali del MİT dove tutti i loro bisogni sono soddisfatti dallo stesso MİT. Le bande riunite in questi campi vengono quindi inviate nelle montagne di Al-Aqrad in Latakia e uniti alle bande di Jindi Al-Sham.

Anche Semir Bogana si è unito alle bande di Jindi Al-Sham a Latakia dopo aver attraversato la Siria e combattuto contro il regime Baath. Fu allora che si è incontrato con un sotto gruppo di Abu Omar Al-Almani e si è unito all’ISIS.

L’Isis riceve gli ordini dalla Turchia

Semir Bogana ha detto di aver combattuto contro il regime siriano Baathista a Latakia e ha aggiunto che i capi della banda ISIS un girno gli hanno ordinato di andare a nord di Aleppo, ha poi continuato: “Hanno determinato il nostro itinerario ad Aleppo. Quindi ci siamo ritirati da Latakia e abbiamo attraversato Jarablus ,Antakya-Antep. La Turchia ha reso il nostro lavoro molto semplice durante questo passaggio. Hanno aperto il confine, ha fatto passare le nostre armi e munizioni e facilitato ogni nostra esigenza. Dopo che abbiamo attraversato il confine, ci è stato detto che avremmo combattuto contro i curdi “.

Bogana, cittadini italiano membro di isis, ha attraversato Jarablus con il sostegno dello stato turco, e dopo aver soggiornato lì per un po ‘si è trasferito a Deirez-Zor. E’ rimasto lì per un po ‘con gli squadroni della morte e poi è andato a Raqqa, dove ha lavorato nelle elazioni estere per ISIS. Il suo compito principale era assumere nuovi membri dalla Germania e altri paesi europei. La banda è stata attiva per un po ‘nella regione di Tabqa e Mayadin e ha preso parte nell’attacco contro il campo Kueris di Aleppo.

Relazione Isis Turchia

Quando si parla della relazione tra lo stato turco e ISIS, Abu Abdullah Al Muhajir (Semir Bogana) ha sottolineato l’investimento della turchia su di loro: “Quando abbiamo agito in nome della Turchia, non abbiamo incontrato ostacoli.Nessuno una volta ci ha chiesto cosa stavamo facendo o dove stavamo andando così come abbiamo attraversato il confine più e più volte. Al contrario, lo stato turco ci ha supportato con tutti i tipi di armi, munizioni e altre risorse. Ho visto con i miei occhi come lo stato turco ha spostato le armi nella regione di Gire Spi.”

Semir Bogana ha detto che la Turchia vede la Siria settentrionale come la propria terra e vuole raggiungere i propri obiettivi nella regione attraverso ISIS e offrire ogni risorsa a loro disposizione ad ISIS e altri gruppi di bande per farli attaccare i Curdi. Dicendo che lo stato turco vuole abbattere tutte le vittorie fatte dai curdi, Bogana ha continuato: “L’esempio più chiaro di questo è il supporto che lo stato turco ci ha offerto mentre stavamo lasciando Latakia, e poi ci ha chiesto di attaccare le aree amministrate dai curdi. Volevano che l’ISIS combattesse di più i curdi rispetto al regime siriano. Il loro obiettivo era distruggere le vittorie fatte dai Curdi in Siria attraverso l’ISIS e altre bande. “

La Turchia protegge ISIS

Bogana ha continuato a riferire della relazione tra lo stato turco e ISIS: “Ci hanno detto che lo stato turco protegge i membri dell’ISIS. Ci hanno detto che I membri dell’ISIS possono vivere in Turchia come desiderano. Un chiaro esempio di ciò è stato l’incidente in cui un membro dell’ISIS austriaco andato in Turchia non è stato estradato in Austria. Il governo austriaco aveva presentato un appello per quella persona. Lo stato turco afferma pubblicamente di mettere l’ISIS sotto processo, ma non è vero. Lo stato turco ci offre supporto e ci utilizza per i propri piani. Mandano le nostre persone nei vari paesi per creare sconvolgimenti interni “.

Il discorso : Noi lottiamo contro ISIS è una bugia

Bogana ha detto quanto segue sulla relazione tra ISIS e lo stato turco : “Mi sono sempre chiesto, lo stato turco dice pubblicamente di combattere ISIS, quindi come mai ci offrono questo tipo di supporto? Lo stato turco ci ha riunito ogni volta, quindi potremmo semplicemente cadere a pezzi e poi ci continuerebbero ad usare per i propri piani.

Se non fosse stato per lo stato turco, l’ISIS non sarebbe mai diventato così grande e la guerra civile siriana non si sarebbe trascinata così tanto, o sarebbe diventata così atroce. Con l’inizio della guerra siriana, lo stato turco ha iniziato a dare tutti i tipi di supporto ad ISIS e altre bande. Hanno aperto i confini in Siria e ha permesso a migliaia di terroristi di attraversare il confine e unirsi alle bande. Questa situazione ha spinto il conflitto siriano a legami più profondi.

Se non ci fosse stata questa posizione da parte dello stato turco, io e migliaia di altri come me non sarebbero stati in grado di venire in Siria e far parte di queste organizzazioni. Se non fosse stato così, la Siria non si sarebbe trasformata in un posto così pericoloso. “

**
L’Ufficio stampa dell’Unione Difesa popolare (YPG) aveva rilasciato una dichiarazione in merito alla cattura di una figura chiave dell’ISIS, il cittadino italiano a seguito di un’operazione speciale.

La dichiarazione dello YPG segue:

“La nostra lotta contro l’organizzazione terrorista dell’ISIS che era insorta come l’organizzazione più brutale nella storia dell’umanità, attaccando i valori sociali che erano stati creati con grandi sforzi e mirando a massacrare tutta l’umanità, specialmente i popoli del Medio Oriente, progredisce con successo in tutte le sfere della vita.

La nostra lotta contro questa organizzazione terroristica che, dall’Europa all’Asia e al Medio Oriente, si sostiene attraverso attacchi brutali e disumani e cerca di espandersi usando la paura, continua a ottenere nuovi risultati su base giornaliera. Le operazioni completate con successo nel cantone di Kobane e Cizîrê l’ultima fase della operazione della “Tempesta di Cizîrê” (Bagera Cizîrê) che oggi si svolge nella regione di Dêra Zor sono prove storiche della nostra lotta contro ISIS.

La resistenza che si sta facendo oggi e le sue grandi conquiste stanno diventando un punto di svolta nella storia e garantiscono un futuro sicuro e dignitoso per i popoli del Medio Oriente e del Kurdistan. Usando il nome dell’Islam, l’ISIS ha cercato di imbrattare l’immagine dei credenti, pur preservando il suo predominio nella regione attraverso abusi brutali e principi inumani e per giunta con l’aiuto dei mercenari che si sono radunati da tutto il mondo. In Europa, molte persone hanno servito l’esercito di Daesh, agendo come cellule dormienti e compiendo attacchi quando sono statj loro richiesti, mentre diffondevano i loro sforzi terroristici anche nel Rojava e nella Siria settentrionale.

Come forze YPG-YPJ, abbiamo effettuato molte operazioni di successo contro queste cellule e l’abbiamo annunciato al pubblico più volte. A tal proposito, il 27 agosto un mercenario chiamato Semir Bogana (cittadino italiano noto anche come Abu Hureyre al Muhajir o Abu Abdullah al Muhajir) è stato catturato in seguito a un’operazione speciale condotta dalle nostre unità antiterrorismo (YAT), quando stava cercando di fuggire in Turchia.

Semir Bogana era responsabile delle spedizioni di armi che erano state consegnate all’ISIS dallo stato turco e che si occupava anche delle attività dei combattenti stranieri dell’ISIS nel Rojava. Molti dettagli sull’organizzazione terrorista dell’ISIS e sulle sue relazioni esterne sono stati rivelati da questo mercenario catturato e sono stati fatti importanti progressi nella lotta contro ISIS.”

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

MERSİN – Intervenendo all’incontro delle donne, la politica curdo Sebahat Tuncel ha sottolineato che la pratica del fiduciario è diventata un regime e colpisce...

Iraq

ll dottor Kamuran Berwarî ha affermato che la Turchia sta prendendo di mira l’invasione con attacchi nella regione federata del Kurdistan e ha affermato:...

Libertà per Öcalan

L’isolamento del leader del PKK Abdullah Öcalan sarà oggetto di discussione in una conferenza che sarà organizzata nell’ambito della 56a sessione sui diritti umani...

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...