Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Remzi Kartal: Lo Stato turco è disperato

Il presidente del Kongra Gel, Remzi Kartal ha affermato che lo Stato turco, conoscendo una crisi finanziaria a seguito della lotta del movimento di liberazione curdo, è in grande disperazione. Il Centro della società curda democratica di Gothenburg ha svolto un memoriale per il comandante delle HPG Akatan Mahir e il membro del coordinamento yazida Zeki Şengali che hanno perso la vita negli attacchi dello Stato turco.

Commemorati Sengali e Mahir

A seguito di un minuto di silenzio per i caduti della rivoluzione, Kartal ha tenuto un discorso sugli sviluppi in Turchia ed in Kurdistan. Kartal ha affermato che Sengali, che hanno perso la loro durante gli attacchi dello Stato turco erano combattenti per la libertà con esperienza ideologica, fisolofica e militare, e che si inchina con rispetto davanti alla loro memoria.

Remzi Kartal ha sottolineato che lo Stato turco, in un vicolo cieco a causa della lotta del movimento di liberazione curdo sperimentando una profonda crisi finanziaria, è diventato più aggerssivo: ” Lo Stato è in una situazione veramente disperata. Questa crisi finanziaria è il risultato della loro guerra contro di noi, in modo particolare negli ultimi tre anni.”

Il nostro vero problema è con il sistema

Remzi Kartal ha affermato che il loro concetto non comprende di abbattere o distruggere lo Stato turco, e ha aggiunto che il movimento di liberazione curdo non ha problemi con gli individui, e che il vero problema è con il sistema. “

“Quindi, il concetto implementato da questo sistema può essere distrutto?”, Ha chiesto Kartal e ha proseguito:  ” Si può.  Questo è il perchè la nostra lotta diventerà più forte di minuto in minuto, in una maniera estensiva, come in Rojava. Saremo impegnati a cambiare questo sistema in Turchia, Iran, Iraq con tutto quello che abbiamo fino al 15 agosto del prossimo anno. Noi dobbiamo sforzarci di fermare gli aiuti che la Turchia riceve anche dall’Europa. Lavoreremo per informare i popoli d’Europa su questo tema.

Rezmi Kartal ha affermato che il movimento di liberazione curdo ha interrotto i piani dello Stato turco a Idlib e li ha lasciati in un vicolo, aggiungendo che presto la Turchia verrà spinta fuori da Afrin e dalla Siria in generale insieme alle rimanenti bande di ISIS. Ha dichiarato inoltre che la gente del Kurdistan che vive nella diaspora ha un grande compito sulle proprie spalle di esporre lo Stato turco e di assicurare la libertà del leader del popolo curdo Abdullah  Öcalan.

“All’estero se prima abbiamo lavorato per un’ora, dobbiamo lavorare per due. Se abbiamo lavorato per due ore, adesso dobbiamo lavorare per quattro. Tutti devono partecipare a questa lotta, afferma Kartal e ha chiesto ai curdi che vivono all’estero a tener duro nella lotta.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...