Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Ci sarà una foto di Demirtaş davanti all’urna?

La campagna elettorale del candidato Presidente dell’HDP in carcere Selahattin Demirtaş si è svolta con molte prime. Quattro milioni di spettatori hanno seguito il suo comizio nei social media. Non è ancora chiaro se ci sarà una foto davanti all’urna in carcere. Oggi in Turchia viene eletto un nuovo Presidente e un nuovo Parlamento. Per la Turchia è gioco il suo futuro destino. La campagna elettorale durata 68 giorni è stata piena di novità e particolarità. Quella più inusuale è stata la campagna di Selahattin Demirtaş, il candidato Presidente del Partito Democratico dei Popoli (HDP). È il primo nella storia politica della Turchia, che si candida per la carica di Presidente dal carcere.

Demirtaş ha ufficializzato la sua candidatura il 4 maggio. La campagna elettorale ha potuto condurla solo tramite il suo team di avvocati. Dato che non poteva essere presente in piazza di persona, i suo avvocati hanno dovuto trasmettere le sue promesse elettorali e valutazioni.

Quattro milioni di spettatori della manifestazione attraverso i Social-Media

Per comizi diretti agli elettori, il candidato Presidente ha usato il telefono a gettoni del carcere attraverso il quale ogni due settimane ha il permesso di parlare con la sua famiglia. Il colloquio è stato filmato e condiviso nei social media. Fino a oggi quattro milioni di persone hanno visto il video.

Un’altra particolarità è stata il diritto del candidato in carcere dal novembre 2016 a un comizio elettorale sulla televisione statale. Per molto tempo si è dibattuto su come sarebbe stato possibile portare Demirtaş in uno studio della TRT per la registrazione. Il Comitato Elettorale turco alla fine ha deciso che la registrazione doveva essere fatta in carcere.

Migliaia di pagine di informazioni

Il compito più importante nella campagna elettorale del candidato dell’HDP è stato preso in carico dai suoi avvocati. Hanno deciso di trasferirsi a Edirne per tutto il periodo per poter tenere costantemente al corrente il loro assistito. Almeno quattro volte al giorno hanno fatto visita a Demirtaş in carcere. La durata dei colloqui con gli avvocati nel periodo della campagna elettorale è arrivato a complessive 200 ore. Meticolosamente sono state trasmesse informazioni sugli sviluppi politici „fuori“ e raccolte valutazioni e messaggi del candidato Presidente per renderli pubblici tramite l’ HDP. Come comunica un’avvocata del team di difesa, quotidianamente sono state fornite a Demirtaş in media 250 pagine di informazioni composte da notizie, commenti, risultati di sondaggi e dichiarazioni di altri candidati e candidate .

160 interviste dal carcere

Grande interesse per il candidato HDP è stato mostrato anche dai media nazionali e esteri. La prima intervista l’ha fatta – tramite il suo team di avvocati – all’agenzia stampa Mezopotamya (MA). Complessivamente si è pronunciato per 40 media esteri e circa 120 media nazionali.

Ci sarà una foto del voto?

In tutte le elezioni Presidenti di partito e candidati vengono fotografati dai giornalisti mentre votano. In base alle informazioni esistenti, Demirtaş ha fatto richiesta di essere fotografato dai fotografi del carcere quando mette la scheda nell’urna. La richiesta finora non ha avuto risposta, non è noto se la direzione del carcere acconsentirà.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...