Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Demirtaş: Sono un rivoluzionario, non una vittima

Il candidato presidenziale dell’HDP sta conducendo la sua campagna dal carcere con mezzi molto limitati. In una intervista a Bianet  Selahattin Demirtaş ha dichiarato che viene tenuto ostaggio a causa delle sue idee e della sua posizione politica e che lui è un rivoluzionario. Il candidato presidenziale Demirtaş, che non può partecipare ad attività elettorali come incontri e manifestazioni perchè si trova in carcere, sottolinea che il presidente Erdoğan sta utilizzando tutti i mezzi disponibili nella sua campagna: “La mia campagna è gestita da una cella del carcere, non può mai raggiungere il livello della campagna di Erdoğan. Demirtaşha aggiunto: “Questa situazione è una grave violazione dei diritti dei nostri elettori se non viene fatto alcun tentativo per normalizzarla”. Sono certamente il candidato nella posizione più svantaggiata, ha affermato.

Gli altri candidati non hanno una visione del futuro

Nonostante le sue limitate possibilità Demirtaş ha affermato che ha seguito da vicino i discorsi di tutti i candidati presidenziali. Commentando questi discorsi ha messo in evidenza alcune carenze: ” Nessun candidato , afferma, è in grado di presentare una visione del futuro centrata sulle libertà. Nessuno di loro ha questa capacità o mentalità. Questo discorso appartiene al candidato presidenziale di HDP che non è stato ancora in grado di incontrare i propri elettori.

Che cosa succede se vince HDP?

Demirtaş ha dichiarato che il primo passo se vince le elezioni sarò quella di invitare tutti i presidenti dei partiti politici ad incontrarsi attorno ad un tavolo e di cercare il consenso attorno ad un programma congiunto e ad un piano d’azione per un periodo di transizione alla democrazia”.

Non sono una vittima ma un rivoluzionario

Rispondendo ad  Ahmet Hakan *, che aveva affermato che” presenta egli stesso come una vittima in carcere ed egli sicuramente trasformerà il suo vittimismo in un voto” Demirtaş dice: “Qui io non sono una vittima. Come rappresentante di una lotta di liberazione io sono un rivoluzionario che è stato preso in ostaggio a causa delle mie idee e della situazione politica. Non è stata una mia scelta andare in prigione- ha aggiunto-  io mantengo la mia posizione da quando sono stato gettato qui dentro. La società non considera ogni prigioniero come una vittima. Io non sono una vittima e ho mantenuto una posizione ferma. Ed in ogni caso non consiglierei a nessuno di arrabbiarsi per la dichiarazione di Ahmet Hakan e di finire in prigione”.

Ahmet Hakan* Giornalista turco

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Diritti umani

I corpi dei membri di YJA-Star Leyla Gülcü, Şekirnaz Kaplan ed Emine Kaplan, che hanno perso la vita nel bombardamento nella zona rurale del...

Donne

La politica arrestata Ayla Akat Ata, nel suo messaggio del 25 novembre, ha dichiarato: “Abbiamo qualcosa da dire, sappiamo che possiamo cambiare, ci riusciremo...

Turchia

La polizia ha attaccato la manifestazione del 25 novembre a Şirnex e ha arrestato i giornalisti Zeynep Durgut, Ömer Akın e Rozerin Gültekin e...

Turchia

ANKARA – La Procura generale della Corte Suprema d’Appello ha chiesto che HEDEP, l’abbreviazione di Partito dell’uguaglianza e la democrazia dei popoli , venga...