Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Manifesto elettorale di HDP: cambieremo questo potere!

Il partito promette un processo di transizione per disegnare una nuova Costituzione democratica. Il manifesto elettorale HDP è stato divulgato alla stampa e all’opinione pubblica.È la visione del partito per una nuova Turchia. L’enfasi posta sulla reale possibilità di cambiamento fornita da HDP e sulla tanto necessaria “boccata d’aria fresca” che il partito promette agli elettori che si recheranno alle urne il 24 giugno. Il manifesto di HDP affronta alcune questioni molto profonde come il diritto di vivere in pace da eguali Qualcosa, come ha sottolineato il partito, che è stato impedito ai popoli della Turchia durante l’era dell’AKP.Quell’era, che promette HDP, sta per finire. Ma “la libertà – ha avvertito Sezai Temelli, Co-presidente dell’HDP – non è un regalo. Devi lottare per questo “. La promessa principale che HDP fa alla gente è forse questa, stare accanto a loro nella loro lotta verso la libertà.

I co-presidenti del Partito democratico dei popoli, Sezai Temelli e Pervin Buldan, hanno fatto una presentazione emozionante del programma del partito. Un programma elaborato per donne, lavoratori, studenti, e agricoltori.

Il manifesto si apre con una promessa chiara: faremo un cambiamento!

“Cambieremo la politica di guerra e l’economia della Turchia svolto dal governo dell’AKP”, ha affermato il manifesto.”L’alleanza presidenziale – prosegue – cerca di cogliere la volontà delle persone e il loro futuro attraverso elezioni anticipate sotto lo stato di emergenza. Non permetteremo mai – ha affermato il manifesto – l’istituzione di un regime individuale in cui il fascismo è istituzionalizzato. Ora è tempo di cambiare questo poter  che ha saccheggiato la natura, i popoli oppressi, le donne, i lavoratori “.

Che tipo di regime?

Il manifesto di HDP descrive il regime dell’AKP come “un regime autoritario che ignora la separazione dei poteri, è un regime di un solo uomo che ignora la democrazia, la ricerca di diritti e della libertà, la libertà e l’uguaglianza delle donne,  normetive applicabili alle politiche socio-politiche della vita economica “. Il 24 giugno, ha affermato il manifesto, ci sarà da fare una scelta cruciale : il “regime autoritario di un solo uomo sarà istituzionalizzato o la ricerca e la lotta per la democrazia ,che dura da duecento anni, sarà rafforzata e sarà stabilita una Nuova Vita “.

HDP promette di avviare un processo di transizione la sera del 24 giugno qualora la popolazione decidesse di votare per la democratizzazione della Turchia. “Abbiamo una road map  per la democratizzazione – afferma HDP – che contiene soluzioni ai problemi riscontrati durante il regime di un solo uomo”.Non una strada facile, ma afferma HDP,” avvieremo un processo di elaborazione di una Costituzione democratica basata sul laicismo liberale, il pluralismo, il multi-linguismo, la multi-religiosità e una cittadinanza eguale.”

Risolveremo la questione curda

Il manifesto ha sottolineato che una pace duratura in Turchia dipende dalla soluzione della questione curda e ha insistito sul fatto che la soluzione della questione curda è in realtà collegata al processo di democratizzazione in Turchia. La pace, ha affermato il manifesto, non è solo assenza di conflitto, morte e sofferenza. È allo stesso tempo un vero lavoro verso la convivenza.

Un manifesto per le donne

L’HDP ha sottolineato che tra le parti più oppresse della società dal regime dell’AKP, vi sono donne. Per questo motivo, il 24 giugno segnerà non solo la fine del regime dell’AKP ma anche la nascita di una nuova era, dove non ci sarà spazio per il sessismo, la violenza contro le donne, lo sciovinismo. Dopo 16 anni di oppressione, le donne torneranno finalmente alla ribalta.

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...