Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Garo Paylan: il genocidio armeno non è stato affrontato in 103 anni

Garo Paylan deputato di HDP ha dichiarato: “Finché non saremo democratici, aspetteremo il nostro turno solo per commettere crimini. Ieri sono stati gli armeni e gli aleviti , oggi sono i curdi e domani saranno turchi o un’altro popolo “.

Sono passati 103 anni dal genocidio degli armeni, quando l’impero ottomano aveva lanciato il massacro sistematico della popolazione armena dalla primavera del 1915. Come successore dell’impero ottomano, lo Stato turco ha fallito nell’identificare i propri crimini contro l’umanità come genocidio, nonostante tutti gli appelli internazionali in questa giornata. Lo Stato turco sta imponendo la stessa sofferenza che ha imposto alla popolazione armena oggi ai curdi, e e non ha mai effettivamente denunciato politiche di genocidio. I genocidi politici, culturali e fisici continuano ancora oggi.

Il deputato di Istanbul del Partito Democratico dei Popoli (Halkların Demokratik Partisi – HDP) Garo Paylan ha parlato con l’ANF in occasione del 103 ° anniversario del genocidio armeno del 24 aprile 1915.

Paylan ha affermato che 103 anni fa 250 scrittori, intellettuali, giornalisti e politici erano stati arrestati in un’operazione programmata e sono stati esiliati ad Ankara e a Çankırı, per poi essere in seeguito massacrati. Questo incidente è stato ampiamente accettato come l’inizio del genocidio armeno e Paylan ha dichiarato che la legge sulla deportazione è stata approvata dopo che questo incidente aveva rimosso il popolo armeno dai territori ottomani e li aveva distrutti: “Queste politiche e pratiche hanno completamente spazzato via la presenza culturale e le tracce di un intero popolo. Il genocidio armeno non è qualcosa che è appena accaduto e passato, come un terremoto. È proseguito per 103 anni con le politiche di diniego formatesi nella sua scia. Se la Turchia fosse stata in grado di affrontare la calamità, credo che non avremmo sofferto per tutti i massacri, i genocidi e le sofferenze che abbiamo avuto fino ad oggi. Ma sfortunatamente, questi crimini non sono stati affrontati e il diniego è continuato, aprendo la strada a nuovi crimini “.

Ieri gli armeni, oggi i curdi

Paylan ha affermato che il clima attuale è molto simile a quello di 103 anni fa e ha aggiunto: “103 anni fa il problema erano gli armeni e il rifiuto delle loro richieste di uguaglianza. Oggi sono imposte ai curdi le stesse politiche. La volontà dei curdi e la richiesta di uguaglianza vengono respinte. Lo stato tenta di continuare con le politiche di annientamento e di assimilazione. Credo che affrontare la calamità di 103 anni fa significherà per tutti noi guarire. Non solo per il popolo armeno, ma per ogni persona che vive in Turchia, credo che sarà un momento importante di giustizia. Affrontare il genocidio armeno dovrebbe iniziare prima con l’accettazione del genocidio, poi con la rimozione dei nomi degli autori dagli spazi pubblici. Il nome del principale autore del genocidio Talat Pasha è stato dato a molti spazi pubblici. Questo è un simbolo della prosecuzione del clima genocida “.

L’AKP perpetua l’ideologia dell’MHP

Garo Paylan ha sottolineato che durante il periodo del genocidio armeno il primo ministro della giustizia della Repubblica Mahmut Esat Bozkurt aveva affermato: “Questo è lo Stato del turco. Chi non è turco non ha diritti. L’unico diritto che hanno è di essere schiavi ” e anche oggi queste parole sono vere :” Oggi, confrontarsi con il genocidio armeno significherebbe non perpetuare questa citazione di Bozkurt. L’MHP è chiaro su questo problema. Riconoscendo il genocidio armeno, accettare le richieste dei curdi per i diritti e le libertà significherebbe la fine dell’ideologia portata avanti dal MHP.

 Quindi, poiché l’AKP si è appoggiato negli ultimi 13 anni perpetua l’ideologia del MHP. La rivendicazione di base del MHP è quella di non riconoscere assolutamente il genocidio armeno e di ignorare e sopprimere tutte le richieste dei curdi. Questo è il motivo per il quale in questo momento siamo lontani dalla giustizia.Ma noi, come l’HDP, con la nostra lotta rivendichiamo la richiesta di giustizia per oggi e per il passato con la nostra lotta “.

 

La democratizzazione conquista per tutti

“La democratizzazione ha un ruolo importante per tutti”, ha affermato il deputato di HDP di Istanbul e ha concluso le sue parole: “Abbiamo attraversato un periodo nel recente passato in cui abbiamo discusso seriamente di questi argomenti. Lo dovevamo alle discussioni sulla soluzione democratica alla questione curda. Quando si discuteva di una questione così grande e attuale nel paese, noi armeni abbiamo avuto l’opportunità di portare la questione armena all’ordine del giorno dopo un secolo di silenzio. La democratizzazione non è solo importante per i curdi o gli armeni, possiamo vedere dalle pratiche dell’esperienza che è anche importante per i turchi. La mentalità che nega ai curdi i loro diritti e rifiuta uno scontro con la sventura degli armeni usurpa anche i diritti dei turchi.

Si prende il loro lavoro e i oro mezzi di sostentamento e le loro libertà con i decreti di emergenza.Ciò che è importante è la democratizzazione di questa comprensione di uno stato dispotico. Finché non saremo democratizzati, aspetteremo il nostro turno solo per commettere crimini. Ieri sono stati gli armeni e gli aleviti , oggi sono i curdi e domani saranno turchi o un’altro popolo .
ANF
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Un tribunale turco ha rilasciato sotto controllo giudiziario la famosa avvocatessa Feyza Altun dopo la sua detenzione per la sue affermazioni sulla “sharia”, dopo...

Turchia

Ahmet Türk, il candidato co-sindaco del partito DEM a Mardin, ha chiarito le sue dichiarazioni riguardo al presidente Erdoğan. Ahmet, che ha affermato che...

Turchia

Non viene accolta la richiesta che il curdo, che ancora figura nei verbali parlamentari come “lingua sconosciuta”, diventi la lingua dell’istruzione. I dirigenti delle...

Turchia

ANKARA- Il microfono della deputata del partito DEM Beritan Güneş, che ha parlato in curdo all’Assemblea generale del Parlamento in occasione della Giornata mondiale...