Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La Turchia estende lo stato di emergenza per la settima volta dopo l’annuncio di Erdogan di elezioni anticipate

Il Parlamento turco mercoledi ha esteso per ,per la settima volta, per altri tre mesi lo stato di emergenza in vigore dal tentativo di colpo di stato del luglio 2016. Una proposta del primo ministro per l’estensione è stata approvata dall’assemblea del Partito della giustizia e dello sviluppo (AKP) dominata dal presidente  Recep Tayyip Erdogan, ore dopo che aveva annunciato elezioni politiche e presidenziali anticipate per la fine di giugno.

Il Consiglio per la Sicurezza Nazionale del paese il giorno prima aveva raccomandato di mantenere in essere lo stato di emergenza, e lo stesso giorno un rapporto annuale dell’Unione Europea (UE) sui progressi della Turcha ne aveva sollecitato la rimozione ” senza ritardo.” Durante il fine settimana, il principale partito di opposizione, il Partito repubblicano del popolo (CHP) aveva svolto presidi in tutte le 81 città di provincia del paese per protestare contro la sospensione e la riduzione delle libertà fondamentali e contro quello che vedono come il crescente autoritarismo di Erdogan.

I deputati dell’AKP e i loro alleati di estrema destra del Partito del movimento nazionale (MHP) hanno finora appoggiato con forza tutte le estensioni. Durante una sessione parlamentare, la deputata del filocurdo Partito democratico dei Popoli (HDP) Filiz Kerestecioglu ha affermato che rivolgersi ai seggi sotto lo stato di emergenza è un segno di debolezza dell’alleanza AKP-MHP guidata dal presidente.

Il portavoce di HDP Ayhan Bilgen ha dichiarato ai giornalisti che il governo e i suoi alleati stanno cercadi di ” salvare essi stessi” e di consolidare il regime di “un  uomo solo.” Il CHP ha chiesto la fine dello stato di emergenza, sostenendo che elezioni giuste e libere non possono essere svolte nelle attuali condizioni.

Il principale argomento dell’amministrazione Erdogan per lo stato di emergenza è la sua lotta è il movimento del clerico Gulen di stanza negli Stati Uniti, accusato di aver padroneggiato il fallito colpo di stato attraverso i suoi seguaci nell’esercito. Ankara ha anche citato le proprie preoccupazioni al riguardo della lotta lunga di decenni del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) per costituire una forma di autogoverno nelle provincie a maggioranza curda.

Sotto lo stato di emergenza, il presidente, rafforzato da un pacchetto di riforme costituzionali, approvato a stento dagli elettori nel referendum dello scorso aprile, può aggirare il parlamento nell’emanazione di nuovi decreti. I decreti dallo scorso anno, hanno epurato oltre 100.000 dipendenti pubblici e ordinato la chiusura di organi di informazione, ONG, centri culturali, scuole e ospedali privati con le accuse di avere legami con gruppi “terroristi” dannosi per la sicurezza nazionale.

Ci sono anche oltre 160 giornalisti e lavoratori dei media dietro le sbarre, mentre il leader di HDP Selahattin Demirtas rimane incarcerato insieme ad altri nove deputati del suo partito. Il Consiglio d’Europa (CoE) e gruppi internazionaliAri Khalidi dei diritti umani come Human Right Watch avevano precedentemente chiesto ad Ankara di porre fin allo stato di emergenza, citando gravi violazioni dei diritti umani, comprese accuse di tortura nelle carceri e abusi di potere da parte dei funzionari dello stato.

 

Ari Khalidi

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Il Comitato esecutivo centrale del partito DEM ha avvertito che gli attacchi contro gli operatori della stampa libera in Turchia e in Europa sono...

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...