Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Donne

La questione curda è raggiungere la democrazia in Turchia: Figen Yüksekdağ

Figen Yüksekdağ è diventata co-Presidente del Partito Democratico dei Popoli (HDP) nel 2014. Un anno dopo, l’HDP ha ottenuto il 13 percento dei voti nelle elezioni generali e è diventato il primo partito filo-curdo a superare la soglia del 10 percento, necessaria per ottenere seggi nel Parlamento turco. Ma più nel corso di quell’anno sono ripresi gli scontri tra lo Stato e i militanti curdi e nel 2016 Yüksekdağ è stata arrestata nell’ambito di una diffusa stretta repressiva sul dissenso a seguito del tentativo di golpe del luglio. Condannata a cinque anni di carcere per accuse di terrorismo, Yüksekdağ si è dimessa dalla co-Presidenza nel maggio 2017.

Ha risposto alle domande di Ahval dal carcere di massima sicurezza tramite il suo avvocato.

Lei è stata co-Presidente dell’HDP in occasione delle storiche vittorie elettorali del 2015 e degli arresti che sono seguiti. Come considera l’evoluzione dell’HDP dopo questo periodo difficile?

“Negli ultimi tre anni l’HDP ha superato innumerevoli processi. Abbiamo vissuto vittorie e anche attacchi, carenze e dolore crescente. Ma una cosa è rimasta vera; nonostante manchevolezze e errori, l’unico partito che poteva superare un periodo così arduo è l’HDP. Abbiamo respinto politiche cicliche e ci siamo invece concentrati su politiche strategiche.

“Il principio centrale dell’HDP è stato e continuerà a essere il sostegno per una patria condivisa e la nostra strategia continuerà a essere quella si seguire il repubblicanesimo democratico che garantisce diritti a tutti i popoli. Non c’è nessun altro partito che possa sostenere questa strategia per il futuro della Turchia.”

“Se guardiamo a altri partiti di opposizione in Parlamento, invece di produrre alternative al regime di un solo partito in cui viviamo, stanno disperatamente cercando di restare in Parlamento.”

“Ci sono state campagne mirate a prendere il posto dell’HDP, quando sono stati costituiti nuovi partiti e è stata creata un’opposizione nuova, amichevole per mantenere una sciarada di opposizione e attenuare gli spigoli del fascismo in questo Paese.”

“Dato che il principio fondativo dell’HDP non è di centralizzazione, è un partito più versatile, resiliente. Di fronte a un regime che rifiuta di considerare alternative, che inietta odio e divisioni nel suo popolo e a fronte di un’opposizione in crisi, l’HDP è pronto a organizzarsi intorno ai valori democratici radicali e a assumere il ruolo di principale opposizione in Turchia.”

Un ex deputato HDP ha detto che il ruolo di leadership lasciato dal suo co-leader in carcere Selahattin Demirtaş non può essere assunto da un turco. Qualcuno a sinistra ha criticato l’HDP per il fatto di scivolare verso vecchie politiche identitarie. Cosa ne pensa?

“Certamente uno degli obiettivi dell’HDP è di risolvere la questione curda e di garantire che vengano riconosciute le identità collettive. Tuttavia la realtà che alcuni rifiutano di vedere è che la questione curda non è limitata a una questione di identità.”

“La questione curda è completamente un fatto di raggiungere e istituzionalizzare la democrazia in Turchia. E il fatto è che l’HDP chiede libertà non solo per coloro che hanno un’identità curda, ma anche per persone con altri sistemi di fede i cui diritti collettivi vengono negati, i cui diritti come cittadini alla pari non sono riconosciuti.”

“L’HDP difende l’idea che possiamo unirci tutti senza cancellare le nostre differenze, assimilare o essere costretti nello stesso stampo.”

Il governo del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP) è in declino?

“Nessun regime autoritario finisce da sé. Il governo può vacillare e declinare gradualmente, ma se l’opposizione non ha istituzionalizzato e sviluppato il proprio piano di azione politica, se non c’è nessuna forza che combatte in modo efficace il governo incombente, allora non si può dire che il regime è finito.”

“L’AKP ha perso molto terreno. Negli ultimi anni, la lotta per le libertà democratiche, il movimento curdo, il movimento delle donne, il movimento di Gezi e le sue propaggini nazionali hanno tutti portato alla luce uno spirito di attivismo in tutto il Paese.”

“Questi fattori hanno contribuito dal declino dell’AKP. Il Presidente (Recep Tayyip) Erdoğan e il suo partito hanno provato di essere incapaci di produrre qualsiasi crescita economica, sociale o politica. Ma in un caso classico di un regime autoritario che mantiene la presa sul potere, l’AKP e Erdoğan sono in grado di mantenere la loro posizione attraverso la guerra e l’uso della forza. Questa strategia sicuramente poterà la società al collasso, ma le forze al potere continuano.”

“Se la sinistra politica non è in grado di unire le forze antifasciste sotto un ombrello ampio, non sono capaci di andare oltre i loro punti di discussione politici e di assumersi dei rischi, e specialmente se non è in grado di costruire una relazione con l’HDP, allora o commetterà il peccato di essere un astante storico, o diventerà un partner nel portare al collasso della società.”

Quali effetti avrà l’operazione turca a Afrin sul Paese e sulla regione?

“Prendendo di mira le forze più efficaci contro ISIS nel nord della Siria, in particolare il popolo curdo, questa operazione continuerà a destabilizzare la regione e renderà i confini della Turchia più deboli e meno sicuri.”

“Chiunque abbia buon senso si rende conto del pericolo in chi riempirà il vuoto lasciato dalle Forze Siriane Democratiche (FSD) e dalle Unità di Difesa del Popolo (YPG), e in particolare dal Congresso del Popolo della Siria del Nord. L’operazione di Afrin crea uno spazio per elementi di ISIS e al Qaeda per conquistare terreno all’interno dei nostri confini.”

“L’esercito turco ha bombardato Afrin senza distinguere tra militari e civili e ha ucciso bambini e persone anziane,curdi e arabi, e persone di tutte le origini etniche e convinzioni religiose. Per giorni il governo ha cercato di provare che Afrin stava proteggendo terroristi, ma le prove che hanno presentato non hanno la minima credibilità.”

Cosa pensa delle elezioni presidenziali turche del 2019?

“La Turchia non può tenere elezioni sane se non mobilitiamo la lotta per togliere lo stato di emergenza, mettere fine alla guerra e alla censure e alle restrizioni nei confronti di organizzazioni politiche.

“L’HDP è aperto a mettere in campo un candidato comune con altri gruppi di opposizione, purché concordiamo su obiettivi e valori condivisi. Il candidato ideale sarebbe qualcuno che difenda la pace, lasciandosi alle spalle l’attuale status quo divisivo. E soprattutto sarebbe un leader che attribuisce potere al popolo piuttosto che concentrare la forza nelle sue mani. Non vogliamo sostituire Erdoğan con un altro regime di un-solo-uomo o di una-sola-donna.”

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Interviste

Come è noto, il 31 marzo si terranno le elezioni municipali in Turchia. Come valuta le elezioni e la preparazione alle elezioni? È importante...

Diritti umani

La giornalista Safiye Alağaş è stata arrestata ieri sera dalla polizia. Ieri sera la polizia ha intercettato il veicolo di Safiye mentre viaggiava da...