Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Campagna di boicottaggio del turismo verso la Turchia

Una delle fonti di guadagno principali del regime turco è il turismo. Con l’invasione di Efrîn e i massacri della popolazione civile nelle reti sociali è stata avviata una campagna per il boicottaggio del turismo. Nelle reti sociali si diffondono appelli al boicottaggio del turismo verso la Turchia. La campagna è in corso su Twitter sotto l’hashtag #BoycottTurkey. Annunci con la scritta „No a dittatura e guerra!“ e „Fermate Erdoğan“ vogliono indurre potenziali turisti a riflettere. In alcuni post si dice: „Prima di comprare un biglietto verso la Turchia, non dimentichi ch ei soldi che spende vanno per la guerra.“

Il turismo rappresenta un’importante fonte di guadagno per lo Stato turco. Negli ultimi anni il settore, soprattutto a causa della crisi con la Russia, aveva subito notevoli perdite. Tuttavia le relazioni tra i due Paesi ora hanno reso possibile l’occupazione di Efrîn e anche nel settore del turismo questo avvicinamento avrà effetti.

Nel silenzio dei governi occidentali a Efrîn sono stati assassinati centinaia di civili e distrutta sistematicamente l’infrastruttura civile. Le case, i posti di lavoro e le sedi delle istituzioni a Efrîn sono stati saccheggiati. Centinaia di migliaia di persone sono state costrette alla fuga. Questi attacchi sono da considerare pulizia etnica.

Mentre lo Stato turco commette massacri e conduce una guerra, la Turchia in questo anno si aspetta dieci milioni di turisti. Secondo quanto affermato dal Ministero della Cultura e del Turismo, nei primi due mesi dell’anno tre milioni di turisti stranieri hanno visitato la Turchia, questo è un aumento del 35 percento. La maggior parte dei visitatori a gennaio e febbraio sono arrivati dopo l’ „accordo di Astana“ dall’Iran.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...