Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Prigionieri dell’ISIS rivelano la connivenza della Turchia- Video

Mentre l’esercito turco bombarda e occupa la città curda di Afrin, in questo scioccante video tre prigionieri dell’ISIS detenuti in Siria dalle forze popolari curde (YPG) rivelano gli appoggi e la libertà di movimento di cui godono i membri dello Stato Islamico nella Turchia di Erdogan (paese NATO e candidato all’ingresso in UE) verso cui stavano scappando prima di essere catturati. Il violentissimo attacco militare alla popolazione curda del Nord della Siria condotto dalla Turchia insieme a vari gruppi armati jihadisti ha già provocato centinaia di vittime e ha costretto le Forze Siriane Democratiche (SDF) a interrompere la lotta all’ISIS.

Il sostegno internazionale riconosciuto ai curdi mentre combattevano vittoriosamente l’ISIS liberando persino Raqqa, la “capitale” del Califfato, si è tramutato improvvisamente in un complice silenzio di fronte al massacro perpetrato in questi giorni dal “sultano” Erdogan, il cui scopo è la distruzione del sistema di autogoverno democratico, multietnico e rispettoso delle donne intrapreso nella Federazione della Siria del Nord. Diffondiamo per rompere il muro del silenzio, denunciare l’ipocrisia della comunità internazionale (USA, Russia e UE in primis) e salvare gli uomini, le donne e i bambini del Rojava!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...