Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

Muli in stato di fermo rilasciati con la condizionale

I muli sequestrati e messi in stato di fermo a Şirnex dalle forze di sicurezza turche sono stati rilasciati con l’imposizione di misure precauzionali. Dato che il procedimento è ancora in corso, non possono essere venduti.

L’evento si era verificato alcune settimane fa nella provincia di Şirnex (Şırnak) nel distretto di Qilaban (Uludere) nel Kurdistan del nord. Quattro muli del contadino C.A. caricati con sigarette di contrabbando erano stati sequestrati dalle forze di sicurezza e messi in stato di fermo.

Dopo che l’agenzia curda Mezopotamya ha riferito del caso, giovedì gli animali sono stati rilasciati con „imposizione di misure precauzionali“ e restituite al loro proprietario. Secondo quanto riferito dalle forze di sicurezza, tuttavia non sarebbe autorizzato a venderli, dato che le indagini contro i muli non sono ancora concluse.

Al pubblico più ampio il caso è stato reso noto grazie a un’interrogazione parlamentare della deputata dell’HDP Aycan Irmez. Aveva chiesto al Ministro dell’Interno se i muli fossero perseguibili penalmente.

 

ANF

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Memet Sıddık Akış, co-sindaco eletto del comune di Hakkari, è stato arrestato questa mattina e sostituito dal governatore di Hakkari. Il fascicolo investigativo utilizzato...

Turchia

La deputata del partito DEM Ceylan Akça-Cupolo chiede un’indagine sullo sfollamento forzato della popolazione di Sur avvenuto dopo la distruzione del quartiere storico. Il...

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...