Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Turchia

La campagna per le elezioni presidenziali è iniziata con l’invasione di Afrin

Il responsabile HDP per le relazioni con l’estero Hişyar Özsoy ha parlato nell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE) e ha chiamato l’attacco contro Afrin un “tentativo di invasione” e una “parte delle campagna presidenziale”.

Il Deputato di HDP e Co-presidente per le relazioni con l’estero Hişyar Özsoy ha parlato degli attacchi a Afrin nel suo intervento all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE).
Özsoy citando l’aumento di violazioni dei diritti umani, pressioni, arresti e fermi in Turchia, ha detto che negli ultimi due anni decine di migliaia di persone sono state incarcerate facendo apparire questo come operazione antiterrorismo e ha aggiunto: “Tra queste persone ci sono deputati, sindaci eletti, giornalisti, rappresentanti di ONG e attivisti per i diritti umani. Chiunque sia critico nei confronti del governo viene considerato un terrorista. Quando questa Assemblea ha messo la Turchia sotto osservazione, i rappresentati del governo hanno detto che la PACE sostiene il terrorismo. È per questo che dobbiamo andare oltre il discorso del terrorismo.”

Non sono impegni contro il terrorismo, è guerra contro un popolo

Özsoy ha sottolineato che le affermazioni del governo sull’impegno antiterrorismo non riflettono la realtà e ha continuato: “Come componente di un partito di opposizione, l’HDP, io posso dirvi questo: Non ci sono sforzi antiterrorismo in Turchia. Non ci sono sforzi antiterrorismo in Siria. Il governo turco sta facendo una guerra contro un popolo, il popolo curdo, mascherandola come impegno contro il terrorismo.

I curdi stanno cercando di costruire le proprie vite

I curdi sono una popolazione indigenza nel Medio Oriente e stanno cercando di costruire uno stile di vita autonomo politico in mezzo a questo folle caos politico e alla violenza nel Medio Oriente.
In effetti il Presidente Erdoğan ha detto personalmente innumerevoli volte che la Turchia farà di tutto per prevenire la formazione di un altro Iraq del nord in Siria. E questo significa che non ‘permetterà’ un autogoverno dei curdi in Siria. Questo è il punto e questo non ha niente a che fare con impegni contro il terrorismo. Perché se così fosse, allora direi questo a chi sostiene le argomentazioni della Turchia: se voi potete mandare 70.000 in carcere in un anno con accuse di terrorismo, il problema non è con i vostri cittadini, ma con il vostro Paese e con il vostro governo.

 

Un paese che produce costantemente terroristi

La Turchia produce costantemente terroristi, immaginari o in altro modo. In questo senso io chiedo ai miei colleghi di decostruire questo argomento straordinario che la Turchia sta combattendo il terrorismo. Perché ora gli impegni antiterrorismo sono usati come uno strumento di discussione per criminalizzare l’opposizione e attaccare tutti coloro che non concordano con il governo turco.
Sfortunatamente, il Presidente Erdoğan ha lanciato la sua campagna per le elezioni presidenziali invadendo Afrin. Questa è l’essenza della loro argomentazione.”

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

Condanne durissime contro l’Hdp. 42 anni a Demirtas, l’unico in grado di ridare forza e unità alla sinistra turca e curda. Prima del verdetto...

Turchia

Gültan Kışanak, Ayla Akat Ata, Meryem Adıbelli, Ayşe Yağcı e Sebahat Tuncel sono di nuovo libere. Ma non si sentono veramente libere. Dopo aver...

Turchia

Sara Kaya, ex co-sindaco del distretto di Nusaybin a Mardin, è stata rilasciata dal carcere il 9 maggio dopo un lungo periodo di detenzione....

Turchia

Un gruppo di 159 accademici, scrittori, parlamentari e avvocati ha chiesto il rilascio delle persone imprigionate nel processo di Kobanê e ha affermato: “Questo...