Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Rassegna Stampa

L’Italia e l’Europa fermino Erdogan

L’Italia e l’Europa fermino Erdogan, fermino l’offensiva militare turca sul cantone di Afrin in Siria. Non si possono elogiare i Curdi del Rojava quando respingendo l’avanzata di Daesh sono diventati l’ultimo baluardo della democrazia e rimanere in silenzio oggi che sono oggetto dei bombardamenti dell’aviazione turca che stanno colpendo il cantone di Afrin provocando morti e feriti tra la popolazione civile.

La Russia, che è responsabile dello spazio aereo di Afrin, non deve essere una spettatrice di fronte a questi attacchi e la comunità internazionale non può essere mera testimone di fronte a questa tragedia umanitaria che rischia di destabilizzare ulteriormente la Siria. Afrin è stata fino ad oggi una delle zone più stabili e sicure della Siria. La città ha accolto un numero di sfollati interni pari alla propria popolazione e proprio per questo deve essere protetta da attacchi esterni che violano il diritto internazionale e umanitario.

 

Erasmo Palazzotto 

Sinistra Italiana

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Opinioni e analisi

«Il contratto è il prodotto della partecipazione di tutta la società civile» Si chiama “Claw-Sword“, l’operazione delle forze militari turche colpevoli degli attacchi aerei...

Rassegna Stampa

Siamo stati nei luoghi maggiormente colpiti dal sisma, dove i soccorsi ancora non si vedono. I sopravvissuti, maggioranza curda, sono stati abbandonati da Ankara....

Rassegna Stampa

TURCHIA. La vigilia del voto vista dal Kurdistan. La piazza dell’Hdp si riempie di musica e danze, gli agenti antisommossa blindano la festa. Timore...

Rassegna Stampa

Il clima elettorale turco è ormai bollente. I colpi bassi della politica delle calunnie in questi giorni avevano mostrato, ovviamente sui social, uno dei...