Connect with us

Hi, what are you looking for?

Retekurdistan.it
Retekurdistan.itRetekurdistan.it

Rassegna Stampa

Guerra per Afrin

Offensiva turca aerea e terrestre contro il cantone curdo nel nord della Siria. Ritirati gli osservatori militari russi. L’esercito turco nel fine settimana ha iniziato un attacco su larga scala sul cantone autogovernato di Afrin nell’estremo nordovest della Siria. Obiettivo dell’operazione »Ramo d’Ulivo« sarebbe di ripulire una »zona di sicurezza« larga 30 km lungo il confine della Turchia da »terroristi«, ha dichiarato domenica il Primo Ministro turco Binali Yildirim. L’attacco è mirato contro le Unità di Difesa del Popolo/delle Donne (YPG/YPJ), sotto la cui protezione la regione abitata in prevalenza da curdi finora è stata risparmiata dalla guerra e negli ultimi quattro anni è riuscita a creare un autogoverno basato sulla democrazia dei consigli.

A seguito di fuoco di artiglieria 72 aerei da combattimento turchi sabato pomeriggio hanno bombardato oltre 100 obiettivi. Sono stati colpiti tra l’altro il centro della città di Afrin e un campo profughi. Nell’attacco hanno perso la vita sette civili e tre combattenti delle YPG.

Accompagnata dagli attacchi aerei, domenica è iniziata l’offensiva via terra dal confine turco e dalla parte occupata dalla Turchia della regione siriana di Sheba contro il territorio curdo. Le truppe di invasione hanno incontrato la strenua resistenza delle YPG nella zona di confine. Secondo quando riferito dalle YG sono stati distrutti cinque carri armati turchi. Secondo quanto riferito dai media turchi, sono entrati in azione anche carri armati »Leopard II« forniti dalla Germania. All’ingresso partecipa l’ »Esercito Siriano Libero« (ESL), nelle cui file si trovano ex appartenenti a Al-Qaeda e »Stato Islamico«.

Il Presidente siriano Bashar Al-Assad domenica ha definito la »brutale aggressione« della Turchia contro Afrin »sostegno al terrorismo«. Senza permesso delle grandi potenze un attacco del genere non sarebbe possibile, ha invece detto il comando supermo delle YPG accusando la Russia di »complicità criminale« con Ankara. Sabato osservatori militari russi si sono ritirati dalla regione per »non esporre a rischi la vita e la salute di soldati russi«, come ha fatto sapere il Ministero della Difesa russo. Mosca vuole costringere Afrin a sottomettersi al regime a Damasco, si dice invece nell’area delle YPG.

Il Presidente russo Recep Tayyip Erdogan domenica ha minacciato il Partito Democratico dei Popoli (HDP) di pesanti conseguenze se dovesse chiamare i suoi sostenitori a scendere in piazza contro la guerra. Nella metropoli dell’Anatolia del sud, Diyarbakir, la polizia ha assaltato la sede dell’HDP per impedire una conferenza stampa. Intanto il capo dell’operazione Kemal Kilicdaroglu parlando con il quotidiano Hürriyet ha promesso il pieno sostegno del partito socialdemocratico kemalista (CHP) per la guerra di aggressione.

L’ente religioso Diyanet, del quale fa parte anche l’associazione islamica DI TIB in Germania, ha dato istruzioni a tutte le moschee di leggere prima di ogni preghiera la cosiddetta Sura della conquista. Parla di guerra, conquista e bottino presso »infedeli«.

»La nostra unica opzione è la resistenza«, ha dichiarato la co-Presidente del governo cantonale di Afrin, Hevi Mustafa, dopo l’inizio degli attacchi. »Non permetteremo alcuna occupazione turca su suolo siriano«. Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza nel fine settimana in molte città europee per dimostrare la loro solidarietà con la regione abitata da curdi.

 

di Nick Brauns

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5X1000 a UIKI Onlus

5 x Mille a
Ufficio di Informazione del Kurdistan In Italia Onlus
Codice Fiscale: 97165690583

IBAN: IBAN: IT89 F 02008 05209 000102651599
BIC/ SWIFT:UNCRITM1710

Potrebbero interessarti anche:

Turchia

L’Associazione per i Diritti Umani è un’organizzazione volontaria per i diritti umani, indipendente dallo Stato, dal governo e dai partiti politici, che osserva le...

Turchia

L’organizzazione provinciale di Qers (Kars) del Partito Dem ha chiesto al comitato elettorale provinciale di annullare le elezioni in città. Il Partito per l’uguaglianza...

Turchia

WAN – Le proteste sono iniziate in tutta la città dopo che Abdullah Zeydan, che ha vinto le elezioni per la carica di co-sindaco...

Turchia

Affermando che il diritto di essere eletto del co-sindaco della municipalità metropolitana di Van, Abdullah Zeydan, è stato usurpato per ordine del ministro della...