Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 15 dicembre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Un commento

Crimini di guerra in Siria del nord vengono documentati

Crimini di guerra in Siria del nord vengono documentati

11 novembre 2019


È stata costituita una commissione per documentare i crimini di guerra dello Stato turco durante gli attacchi di occupazione contro la Siria del nord e dell’est dal 9 ottobre in poi.In Rojava è stata costituita una commissione e per documentare i crimini di guerra dello Stato turco durante gli attacchi di occupazione contro la Siria del nord e dell’est dal 9 ottobre in poi. Il lavoro della commissione, nella quale operano giuriste e giuristi attiv* nella regione, viene coordinato dal Consiglio per la Giustizia dell’Amministrazione Autonoma e sostenuto dall’ordine degli avvocati.

La commissione ha sedi a Hesekê, Til Temir, Dirbêsiyê, Amûdê, Qamişlo, Tirbespiyê, Girkê Legê, Dêrik, Kobanê, Tabqa e Raqqa.

Uno dei membri della commissione, Aynûr Basha, ha detto che si è in presenza di centinaia di crimini dello Stato turco: „Dall’inizio dell’invasione dello Stato turco sono stati commessi molti crimini di guerra. Noi abbiamo documentato molti di questi crimini. I crimini di guerra continuano, noi continuiamo a documentarli. Se esiste una giustizia internazionale, andrebbe istituito un tribunale internazionale e lo Stato turco messo sotto accusa.”

Sulle modalità di lavoro della commissione Aynûr Basha ha dichiarato che esistono contatti tra giuriste e giuristi in tutta la regione e che i crimini denunciati vengono analizzati. La commissione La commissione aspira all’istituzione di un tribunale speciale per la Turchia, in modo analogo a come è stato fatto in passato per i crimini di guerra in Ruanda e in Jugoslavia.

Fonte: ANF


Comments

  1. Giovanni Orza

    Trovo molto importante questa iniziativa e auspico che si possa presto costituire un tribunale speciale per la Turchia. Spero che ameno questo possa servire a mettere sotto accusa il regime turco e a spezzarne i legami e la collaborazione con gli altri stati che si definiscono democratici (Italia compresa).

Inserisci un commento