Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Retekurdistan.it | 16 ottobre 2019

Seleziona una pagina:
Scroll to top

Top

Nessun commento

„I soldati ci hanno sparato intenzionalmente“

„I soldati ci hanno sparato intenzionalmente“

3 agosto 2019


A Colemêrg giovedì un 14enne è stato ucciso da soldati turchi. Il governatore ha fatto trapelare che la morte del ragazzo sarebbe stata causata da un proiettile vagante. Ora un testimone dice: „I soldati ci hanno sparato intenzionalmente“.Dopo la morte del 14enne Vedat Ekinci nella provincia di Colemêrg (Hakkari) nel Kurdistan del nord, ora emergono altri dettagli che sono in contraddizione con la versione ufficiale. L’evento si è verificato giovedì nel distretto di Rûbarok (Derecik). Inizialmente si era detto che da un elicottero dell’aviazione turca si era sparato su diversi commercianti transfrontalieri. Evidentemente il gruppo viene accusato dalle autorità turche di contrabbando illegale per legittimare l’evento. Haci Ekinci, un cugino del ragazzo ucciso, è testimone dei fatti. Con Euronews ha contestato le accuse e dichiarato che la famiglia si occupa di commercio di bestiame. Inoltre ha dichiarato: „I soldati ci hanno sparato intenzionalmente. Al fratello di Vedat è stato sfracellato un piede“.

Il governatore provinciale invece venerdì ha fatto trapelare che la morte di Vedat Ekinci sarebbe stata causata da un proiettile vagante. I soldati avrebbero sparato un „colpo di ammonimento“ che sarebbe „ rimbalzato su una roccia nel paesaggio collinoso e alla fine avrebbe ucciso il ragazzo“, è stato detto. Haci Ekinci in proposito ha detto: „Eravamo in tre alla ricerca di mucche sparite. Quando ci siamo avvicinati alla zona di confine (verso il Kurdistan del sud/Iraq del nord, NdR), improvvisamente sono comparsi dei soldati. I cavalli erano inquieti. Da una distanza di circa 20 metri è stato aperto il fuoco. Vedat è stato colpito alla schiena, ha cercato di trascinarsi sotto un albero. Lì è morto poco dopo.“

Su riprese fatte con il cellulare poco dopo il fuoco, si vedono soldati che forniscono misure di primo soccorso. Secondo quanto affermato da Haci Ekinci si tratterebbe di soldati di leva del vicino posto di guardia accorsi sul posto per aiutare. La famiglia sarebbe nota tra i soldati di stanza nella regione. Mentre uno di questi soldati cercava di tenere in vita Vedat Ekinci con un massaggio cardiaco, l’unità di soldati che ha aperto il fuoco sarebbe rimasta semplicemente a guardare.

Fonte: ANF


Inserisci un commento